Dieselgate: fermato l’amministratore delegato di Audi (Volkswagen)

Il ceo dell’Audi Rupert Stadler è stato fermato dalla polizia. Lo riferisce la Dpa citando fonti della Volkswagen. Il manager è indagato nell’ambito del dieselgate e la scorsa settimana il suo appartamento e quello di un altro manager della società automobilistica era stato perquisito dalle autorità tedesche.

Era già sotto indagine

Stadler era stato indagato nel quadro dell’inchiesta sulle manipolazioni delle emissioni delle auto diesel del gruppo Volkswagen. L’accusa era di frode e “dichiarazioni indirette false o omissioni”. Due sedi di Audi sono già state oggetto di perquisizioni all’inizio di febbraio ma questa novità rappresenta un ulteriore passo avanti importante nella vicenda. Nel mirino della procura diversi manager della società accusati di frode e falsificazione di atti pubblici.

Accantonati 27 miliardi, guai per il gruppo Vw

La scorsa settimana Vw, di cui il marchio Audi fa parte, ha accettato di pagare, riconoscendo la propria responsabilità, la sanzione di 1 miliardo di euro decisa dalla procura di Stato di Braunschweig.

Ma i guai giudiziari del gruppo, come ricorda Bloomberg, sono maggiori coinvolgendo non solo la Germania ma altri 55 paesi e comprendono anche la manipolazione del mercato azionario. Complessivamente il gruppo ha dovuto accantonare 27 miliardi di euro per fare fronte a sanzioni, riacquisto azioni e costi mentre gli investitori la accusano di aver informato il mercato troppo tardi dell’inchiesta.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto