Champions: la Juve batte il City 2-1 a Manchester, bianconeri primi (gli highlight)

Vincono la Juve e il Siviglia, perdono il City e il Borussia dal nome impronunciabile. La prima di Champions League porta bene a italiani e spagnoli. Ma la strada del Gruppo D è appena iniziata ieri sera. I gol di Mandzukic e di Morata illuminano la serata di Manchester, mentre il Siviglia – recente vincitore dell’Europa League – batte per 3 a 0 il Borussia Mönchengladbach. Ottima anche la prestazione di Cuadrado, che finalmente dà alla Juve la prestazione che ci si attendeva da lui.

La squadra di Unay Emery, l’allenatore inseguito invano in estate dal Napoli, al ritorno in Champions dopo otto anni, beneficia addirittura di tre rigori, ne segna due e asfalta un Borussia penalizzato dal risultato.

Qui potete vedere gli highlight della partita di ieri sera.

aaaaclassifica

Il fair play di Pellegrini: “Irregolare il gol del City”

Intanto Manuel Pellegrini, allenatore del City, dimostra di saper perdere con grande stile. Dopo l’1-2 rimediato all’Ethiad Stadium contro la Juventus il tecnico del City riconosce che la rete dei padroni di casa andava annullata per chiaro fallo di Kompany su Chiellini, involontario autore dell’autogol.

“Abbiamo appena iniziato a lavorare col nuovo gruppo – dice poi il tecnico cileno del City a Mediaset Premium – Anche l’anno scorso abbiamo perso contro il Bayern Monaco alla prima partita, ma poi ci siamo qualificati. Oggi non dovevamo perdere, abbiamo giocato meglio della Juve.

Buffon ha fatto delle paratissime e siamo stati sfortunati. Abbiamo giocato contro una squadra forte. Quando creiamo delle occasioni dobbiamo segnare, c’è poca differenza tra noi e loro. La Juve non ha creato molto, ma ha segnato. Abbiamo controllato bene, ma il calcio è così”.

aaaallegru

“Ma abbiamo giocato meglio della Juve…”

Ma al City manca qualcosa quando non gioca Aguero? “Non è per colpa di un solo. Credo che abbiamo giocato meglio di loro, ma alla fine loro hanno segnato”.

 

aaaaapogba

Allegri: “Ripartiti dalla cose semplici”

Allegri l’aveva detto alla vigilia che, per porre fine alla crisi della Juventus, bastava un risultato positivo e il risultato è arrivato nel secondo tempo di Manchester, quando – sotto di un gol – i bianconeri sono riusciti a battere il City per 2-1. Tre punti preziosissimi. E non solo per il girone di Champions league.

“I complimenti vanno fatti ai ragazzi – dice sorridendo il tecnico della Juve – Siamo ripartiti dalle cose semplici, stando ordinati in campo, dovevamo fare meglio in fase offensiva nel primo tempo, ma abbiamo concesso poco e le uniche parate che ha fatto Buffon, che oggi è stato straordinario, la prima è arrivata per una palla persa a centrocampo.

Ci siamo fatti prendere dalla fretta e dall’ansia ma i ragazzi hanno tenuto bene e hanno meritatamente vinto”.

 

“Gigi è stato straordinario”

Massimiliano Allegri in tv sottolinea poi i meriti della sua squadra. “Il calcio è strano, loro potevano chiuderla, ma Gigi è stato straordinario – aggiunge -, noi ci abbiamo creduto e abbiamo portato a casa la partita mentre in campionato facciamo 40 tiri e abbiamo un solo punto. In campionato ci sono meno spazi, bisogna avere più attenzione, mentre in Europa le partite sono diverse”.

Probabilmente, fa capire Allegri, è anche una questione di stimoli. “Quando giochi la Champions, sai che è una competizione affascinante, che dà stimoli a tutti – spiega il tecnico -. La vittoria di questa sera è una iniezione di fiducia per la Champions e per il campionato e in caso di sconfitta sarebbe stato diverso. Ai ragazzi ho chiesto di non pensare ai risultati, ma di fare una prestazione importante per invertire la tendenza. Cuadrado in campo? L’avevo già scelto ieri. Credevo che potevamo metterli in difficoltà tra le linee perchè Cuadrado e Morata hanno fatto una partita di sacrificio e questo è importante: devi essere bravo quando attacchi ma anche quando difendi”.

aaaagigi

Buffon: “Questo è il primo mattoncino”

Parla anche Buffon, che ormai è sempre più la voce di questa Juve che si è ricostruita, dopo aver ceduto tre campioni come Tevez, Vidal e averl lasciato aprtire una cerniera tra difesa e centrocampo come Pirlo.

Ormai si vede che Gigi è qualcosa di più di un leader, in cmapo e fuori.

“C’è stata la reazione, questo è il primo mattoncino della nuova stagione – dice il portierone dopo la vittoria – Abbiamo fatto una gara importante, c’è stata attenzione, sagacia tattica, rabbia agonistica e bravura tecnica. Non è mancato nulla ma, tuttavia, non dobbiamo illuderci. Dobbiamo continuare così, lo spero perché lo meritiamo e abbiamo le possibilità”.

Ma questa è una vittoria che per la Juve fa morale? “Quando vinci certe gare in certi stadi contro questi avversari, aumenta la consapevolezza dei propri mezzi – risponde Buffon a Mediaset Premium – Per i più giovani, la vittoria di stasera è molto importante. La gioia, la forza e l’adrenalina di gare simili fa crescere in maniera più rapida, ma anche esponenziale”.

 

.

 

Risultato clamoroso per la Juve

Clamoroso a Manchester: Juventus in vantaggio sul City a 5 minuti dalla fine. Era andato per prima in vantaggio il City con un gol di Kompany “favorito” da un errore di Chuellini. I bianconeri pareggiavano con una rete di Mandzukic su uno splendido lancio di Pogba e poi passavano in vantaggio con un tiro precisissimo di Morata. Il ribaltone è sorprendente. Bianconeri solidi e fortunati nel trovare il vantaggio, ma il City non sembra avere idee e fiato per ribaltare l’inerzia che ormai ha preso la partita.

Pellegrini fa il cambio della disperazione e manda in campo il Kun Agureo, reduce d aun infortunio, al posto di Nasri. Allegri si copre alla fine: entra Barzagli, esce l’autore di uno dei gol, Morata.

 

Lo 0 a 0 resiste per un tempo intero

Champions League: resiste 45 minuti la Juventgus nella tana del Manchester City per la prima partita del suo girone. Non si sblocca il risultato alla fine del primo tempo. Buffon salva su Sterling.

Molto buona nella Juve la prova di Cuadrado, che sta fornendo una prestazione di grande sostanza in fase difensiva, con ripiegamenti anche profondi.

aaaaacity

Al 40° ci prova Fernandinho: staffilata di destro dal limite del brasiliano, palla sul fondo. Ora però i bianconeri cominciano a soffrire e provano ad abbassare i ritmi. Le squadra vanno al riposo sullo 0-0.

 

Le esclusive di Mediaset per la Champions

Cominciano le esclusiva di Mediaset per quanto riguarda la Champions League. L’acquisto per tre anni di questi diritti è il colpo più duro inferto dlala tv del Biscione a Sky. Si parte stasera, alle 20,45, da Manchester City-Juventus, che non sarà trasmessa in chiaro. Ma una partita sulle reti non pay di Mediaset c’è: è Real-Madrid-Shaktar (inizio del collegamento alle 20,20). Sky Sport si rifarà, un po’, con l’Europa League, ma è esclusa dal piatto più grande.

È una Juve acciaccata dal cmapionato quella sbarcata a Manchester, ma come ha fatto notare ieri l’allenatore bianconero Allegri (nella foto in basso): “Nel calcio basta un risultato positivo per cambiare i giudizi”. Vedremo dopo la partita, quindi, cosa dire.

Anche la Roma gioca in Champions, domani sera all’Olimpico contro il Barcellona, altro cliente difficile. La Lazio, invece, terza avente diritto alla Coppa maggiore, è stata eliminata nei preliminari.

 

aaaaallegri

Le probabili formazioni

Il Manchester City dovrebbe scendre in campo con Hart, Sagna, Mangala, Kompany, Kolarov, Fernandinho, Yaya Touré, Navas, Silva, De Bruyne e Sterling.

La Juventus dovrebbe rispondere con Buffon, Caceres, Bonucci, Chiellini, Lichtsteiner, Lemina, Hernanes, Pogba, Evra, Mandzukic e Morata.

Arbitra il signor Skomina (Slovenia)

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto