Bettola, il corpo è di Luigi, aveva scritto su Fb: “Ho evitato la morte”

Il corpo di unodei dispersi di Bettola è stato ritrovato. Il corpo è stato individuato nel pomeriggio di ieri dai volontari che si stanno occupando delle ricerche.

Dopo alcune ore, intorno alle 18, si p diffusa la notizia che molto probabilmente si tratta del corpo che figlio, che ha 43 anni. Nella foto in alto (e anche in quella più sotto) la sua jeep Cherokee, travolta dal fango. Le ricerche proseguono per trovare anche il corpo del padre.

Più tardi arriva la conferma die soccorritori: la vittima è Luigi Agnelli, 43 anni. Il suo corpo è stato avvistato nei pressi della frazione Biana di Ponte Dell’Olio (Piacenza), non distante dal luogo dove era stata recuperata la carcassa del fuoristrada su cui viaggiava col padre Filippo.

 

aaaafiglio

Aveva scritto su Fb: “Ci siamo salvati”

“Ci siamo salvati”: avevano scritto Luigi su Facebook (nella foto qui sopra), prima di sparire inghiottiti dal Nure nel Piacentino, Filippo e Luigi Agnelli Degradi, padre e figlio di 67 e 43 anni, di Bettola, che invece risultano ancora dispersi.

Ma all’alba si ieri pensavano di essere sopravvissuti alla tempesta. Infatti Luigi Agnelli – titolare di un negozio di fiori nel centro di Piacenza – ha scritto su Fb: “Mi è straripato il Nure in faccia…Sommerso da un fiume d’acqua … Ho rischiato di rimanerci. Ora so cosa provano e hanno provato le vittime dei fiumi in piena. Terrore… Grazie ai miei Angeli”.

Poi i due sono partiti per raggiungere una clinica di Como, dove Filippo Agnelli doveva sottoporsi ad un’operazione. Ma a Como padre e figlio non sono mai arrivati, probabilmente a causa del cedimento di decine di metri di strada provinciale a Recesio, devastata dalla furia delle acque.

 

Ecco il post di Luigi

aaaagnrlli

Ecco l’ultimo post scritto da Luigi. La sua pagina Facebook ora si è riempita di commenti di amici e conoscenti che dino “Non è possibile” o invitano a pregare.

aaaaaafango

Ritrovata l’auto, ma loro non ci sono

A Nure, tra Spettine e Carmiano, coperta di fango, è stata ritrovata una Jeep grigia (nella foto sopra). Si tratta dell’auto su cui viaggiavano Filippo e Luigi Agnelli Degradi.

L’ha scoperta, durante un sorvolo con un mezzo dell’Aeronautica, il personale del Soccorso alpino. Un tecnico è stato calato dall’elicottero e ha riconosciuto la scritta Jeep sui cerchioni e alcuni pezzi di lamiera grigi.

La prima vittima ieri a Pontedellolio

C’è la prima vittima: è una guardia giurata di 56 anni, Luigi Albertelli, residente a Pontedellolio. Il suo corpo è stato trovato ieri nel tardo pomeriggio dopo ore di ricerca in località Riva, a poca distanza da ciò che rimaneva della sua auto. Ci sono anche due persone disperse: si tratta di un padre e un figlio di Bettola.

Cresce il bilancio negativo dell’ondata di maltempo, quella che si sta abbattendo sull’Italia, che desta allarme, soprattutto al Nord, tra la Liguria e il Piacentino dove un’auto è stata travolta a Recesio dall’acqua. A Ferriere, inoltre, un’abitazione è crollata. Due delle 3 persone disperse non sono ancora state ritrovate: forse viaggiavano sulla strada provinciale 654, un tratto della quale è stato “inghiottito” dall’acqua.

 

Situazione critica su tutta la zona

È critica la situazione nell’Emilia Romagna occidentale e come da previsioni nella notte di ieri un violento nubifragio si è abbattuto su Genova provocando frane e allagamenti nella zona di Levante e provocando numerosi danni. Una casa di riposo di Rezzoaglio è stata evacuata mentre numerose sono giunte ai vigili del fuoco le chiamate per smottamenti, alberi crollati e tetti pericolanti. La situazione ieri sera sembrava normalizzata, al unto che nello stadio di Genova si è potuta giocare la partits Sampdoria-Bologna rinviata domenica.

Ora l’allerta arriva fino alla provincia di Piacenza dove il Nure si è letteralmente mangiato una strada (come si vede nel video sotto e nella foto di apertura, di Piacenzasera.it).

I problemi in provincia di Piacenza

I problemi riguardano la Valnure e la Valtrebbia, nel Piacentino, con frane e allagamenti per le piogge torrenziali delle ultime ore. La Protezione civile regionale ha attivato alle 4 la fase di allarme per la piena del Trebbia in sei comuni, aggiornandola due ore dopo per altri 8, tra cui Piacenza. Dalle 5 fase di allarme anche per la piena del Nure in dieci comuni. Segnalate case isolate e bloccate dall’acqua e interruzioni dell’energia elettrica. Sono segnalate case isolate e bloccate dall’acqua e interruzioni dell’energia elettrica. Impegnate tutte le squadre di vigili del fuoco. Il sindaco di Bettola dichiara: “Il paese è in ginocchio”. In azione le squadre di vigili del fuoco. Problemi analoghi si stanno riscontrando sul resto dell’Emilia Romagna, via via che la perturbazione si sposta a est, e in Veneto.

Stato di allerta 1

Ieri la Protezione Civile della Liguriaa aveva trasformato lo stato di allerta 1, lanciato dalla mezzanotte di sabato, in allerta 2, quello massimo. Poi fortunatamente l’allerta è scesa a 1, ma resterà fino alle 15 (all’inizio era fino alle 6 di stamattina). Scuole aperte nel comune di Genova, tranne la scuola media Govi in via Pinetti, a Quezzi, per un problema di sicurezza.I comuni di Levanto, Vernazza e Monterossohanno deciso invece ieri sera la chiusura delle proprie scuole.

 

Oggi la partita

La partita Sampdoria-Bologna è stata rinviata a oggi lunedì 14 settembre, si giocherà alle 20,45. La Samp resta in ritiro in attesa delle determinazioni della Lega di serie A. Nnon Spezia-Pro Vercelli (Serie B). La pioggia ha provocato danni e piccole frane nell’Imperiese e nel savonese, allagamenti a Genova e La Spezia.

 

Allerta in Lombardia

Intanto problemi anche in Lombardia, dove sotto osservazione ci sono il Lambro e il Seveso, a rischio di esondazione.

 

Temporali anche oggi

Le previsioni, secondo quanto reso noto dalla Protezione civile regionale, parlano per oggi di fenomeni temporaleschi e piogge localmente forti, prima di una progressiva attenuazione del maltempo con residui temporaleschi su centro-Levante nel pomeriggio.

 

A rischio le regioni settentrionali

Forti piogge si stanno abbattendo anche sul Piemonte orientale dove nelle ultime ore sono caduti 77 millimetri di pioggia. In rapido aumento, secondo il Centro Funzionale della Regione Piemonte, i livelli dei torrenti in provincia di Cuneo e di Alessandria. Le altre zone a rischio sono le Prealpi e le aree pedemontane di alto Piemonte, Lombardia, Nordest e anche della Toscana, dove rimane la massima allerta meteo fino a domani. Allerta con codice giallo nel Lazio e in Friuli.

Friuli: venti intensi, danni e allagamenti

Venti intensi, che hanno preceduto un temporale, si sono abbattuti in mattinata sul Friuli, in particolare sulla zona di Muzzana del Turgnano (Udine), provocando danni ai tetti di alcune abitazioni e di una stalla. Allagamenti sono stati registrati anche a Gonars, Pradamano, Cividale, Premariacco e Pavia di Udine. Tante le richieste d’aiuto, segnala la Protezione civile Fvg, per cantine allagate e per alcune strade interrotte, al momento chiuse perché l’acqua non riesce a defluire.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto