Gabriella Fabbiano, il fidanzato confessa: “Ero geloso e le ho sparato”

Sono state arrestate due persone per l’omicidio di Gabriella Fabbiano, 43 anni, uccisa con un colpo di pistola e ritrovata senza vita nel laghetto di una cava a Cernusco sul Naviglio, nel milanese.

Sono finiti in manette il presunto omicida, Mario Marcone, e il complice che avrebbe aiutato il killer ad occultare il cadavere. L’indagine dei carabinieri è stata coordinata dai pm Francesco Cajani e Alberto Nobili della procura di Milano. E ora Morcone ammette: “Ero geloso, le ho sparato buttandola poi nella discarica”.

a-gabriellafabbiano

L’omicida ha confessato

I due arrestati sono Mario Marcone, l’uomo di 42 anni che aveva avuto una relazione con la vittima e che era già stato indagato nei giorni scorsi, e il suo amico Fabrizio Antonazzo, un essantenne di Cernusco sul Naviglio, a carico del quale gli investigatori hanno raccolto gravi indizi di colpevolezza in ordine alla soppressione del cadavere di Fabbiano.

Marcone ha confessato e ha raccontato che l’omicidio è avvenuto all’interno del suo appartamento la sera del 30 novembre al termine di una lite scoppiata per gelosia. A incastrarlo le tracce di sangue trovate in casa e nella sua auto.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto