F1 a Shangai: vince Ricciardo, 3° Raikkonen, Vettel 8°, punito il “solito” Verstappen

A Shangai a sorpresa vince la Red Bull di Daniel Ricciardo. Al secondo posto la Mercedes di Bottas, a lungo in testa nella parte centrale della corsa, al terzo un risorto Kimi Raikkonen, che è riuscito a salire sul podio, dopo l’intervento dlela safety car.

Penalizzato di 10 secondi Max Verstappen, la cui Red Bull ha mandato fuori dai primi posti Sebastian Vettel, finito 8° con l’auto danneggiata.

Ancora una volta non mancheranno le polemiche per il modo di guidare di Verstappen, che rovina le corse altrui con un’aggressività sconsiderata e finisce per orvinare anche la sua, visto che il compagno di squadra Ricciardo oggi ha vinto il Gran premio di Cina.

Vettel: “Ho perso il bilanciamento”

Vettel di fatto non commenta l’incidente con Verstappen: “Avete visto tutti”, dice. Poi aggiunge che ha perso il bilanciamento della sua Ferrari, ma elenca anche altri inconvenienti dlela giornata, come il suo pit un po’ lento.

“Insomma una giornata no”, conclude.

Vettel scattato in testa

Scatta in testa Vettel alla partenza del Gran premio di Cina. In realtà era stato più reattivo Kimi Raikkonen, ma Seb chiude il suo compagno di squadra della Ferrari, che lo lascia sfilare per evitare incidenti.

Raikkonen così viene anche sorpassato da Bottas su Mercedes e Verstappen su Red Bull. Hamilton, altro pilota Mercedes e campione del mondo in carica, alla fine del 5° giro (su 56) è quinto. La gara scorre regolarmente. Verstappen, con le gomme viola, dovrebbe fermarsi per primo per il pit stop.

Il sorpasso di Bottas al pit stop

Bottas sorpassa Vettel dopo il primo pit stop. Si ferma per primo il pilota della Mercedes, quello della Ferrari non riesce a diofendere il margine di 3 secondi di vantaggio che aveva. Al terzo è Verstappen, al quarto Hamilton.

Kimi Raikkonen è l’ultimo a cambiare le gomme, resta ancora fuori, unico tra i primi sei a non aver cambiato le gomme.

La sfidfa ora è tutta in pista, perché sia Ferrari che Nercedes sembrano aver puntato sulla strategia di una sosta sola.

Safety car per le Toro rosso

La due Toto rosso si socntrano tra loro e al 33° giro entra in pista la safety car che riduce al minimo la distanza tra Bottas e Vettel. Se ne giova anche Raikkonen, che sale dal sesto al quinto posto. La corsa è ancora aperta.

Verstappen contro Vettel, 10″ di penalizzazione

Al 46° giro Verstappen che già si era toccato con Hamilton, tocca la Ferrari di Vettel e la manda in testacoda. Il pilota della Red Bull viene penalizzato di 10 secondi, che pagherà a fine gara.

Ora il pilota Ferrari, fuori dal podio, deve cercare di minimizzare i danni, mentre Ricciardo passa in testa, sorpassando Bottas.

Kimi Raikkonen, dopo una gara tormentata, al 48° giro è terzo, con gomme più fresche di quelle di Bottas che lo precede.

 

La classifica del mondiale piloti dopo 3 Gran premi

 

  • 1) Sebastian Vettel 54
  • 2) Lewis Hamilton 45
  • 3) Valtteri Bottas 40
  • 4) Daniel Ricciardo 37
  • 5) Kimi Raikkonen 30
  • 6) Fernando Alonso 22
  • 7) Nico Hulkenberg 22
  • 8) Max Verstappen 18
  • 9) Pierre Gasly 12
  • 10) Kevin Magnussen

 

 

Doppietta Ferrari in prima fila: le notizie del 14 aprile

Doppietta Ferrari anche in Cina. Ieri all’ultimo secondo Sebastian Vettel ha conquistato la Pole position, Kimi Raikkonen che era in testa partirà stamattina dal secondo posto in griglia.

L’inzio della gara è alle 8,10. Diretta tv su SkyF1.

Al terzo posto ci sarà la Mercedes di Bottas, davanti a quella di Lewis Hamilton, che ieri ha rinunciato a concludere il giro finale.

Seconda Pole consecutiva per Vettel. Sconsolato Hamilton, che chiude alle spalle del suo compagno di squadra e partirà dal quarto posto.

“La macchina ha continuato a migliorare”: ha dichiarato un soddisfattissimo Vettel.

“Volevo fare di meglio”, ha detto invece Raikkonen, che non riesce a partirte dal primo posto in griglia, nonostante la potenza della Ferrari attuale.

La griglia di partenza

Questa in basso è la griglia di partenza del Gran premio di Cina in una grafica della Gazzetta delloo Sport.

 

Le prove per la terza gara del Mondiale

Mentre iniziano in Cina le prove per la terza gara mondiale di Formula 1, è rientrato in Italia Francesco Cigarini, il meccanico della Ferrari investito domenica scorsa dalla SF71H pilotata da Kimi Raikkonen, nel corso del Gran Premio del Bahrain.

Stamattina – sabato 14 aprile – dalle 8 alle 9 i piloti sono in pista per qualificarsi per la Pole. Diretta solo su SkyF1. La Ferrari è apparsa molto competitiva anche nelle terze libere, che si sono concluse con le Ferrari davanti a tutti.

E questa è una grande sorpresa. La Ferrari ha staccato una Mercedes (nella foto Hamilton) che sembra non perfettamente a punto. Ha fatto peggio la Red Bull di Ricciardo che ha rotto il motore (nella foto in basso il pilota australiano ai box).

Nell’ultimo Gran premio i problemi erano toccati alla Red Bull di Verstappen.

 

Il meccanico è tornato a casa: le notizie del 13 aprile

Il meccanico Cigarini (nelle foto), dopo l’atterraggio, è stato assistito dal personale medico di Aeroporti di Roma.

“Sto bene. Adesso non vedo l’ora di tornare presto al lavoro”: ha detto il meccanico all’arrivo all’aeroporto di Fiumicino con un volo di linea della Emirates proveniente da Dubai.

In buone condizioni

Cigarini è apparso in buone condizioni dopo l’operazione a Manama per le fratture riportate di tibia e persone. Appena sbarcato dall’aereo su una sedia a rotelle fornita da Adr Assistance, è stato assistito sottobordo dal personale medico e paramedico di Aeroporti di Roma che, con un’autoambulanza, lo ha quindi trasportato fino al Pronto Soccorso aeroportuale.

La telefonata di Raikkonen

Francesco Cigarini, sommerso da messaggi di solidarietà da parte di appassionati e non e di tutto il mondo Ferrari, è stato operato nella notte di domenica in un ospedale militare del Bahrain ad un quarto d’ora d’auto dal circuito di Sakhir.

”L’operazione è andata bene, voglio ringraziare tutte le persone che hanno chiesto di me e si sono preoccupate”, ha scritto lo stesso meccanico doopo l’intervento su Instagram, allegando una foto che lo ritrae sorridente in ospedale con la gamba ingessata.

“È assistito al meglio”

”Ora Francesco si sta riprendendo ed è assistito al meglio”: fa sapere la Ferrari, mentre lo stesso Raikkonen ha telefonato al meccanico per conoscere le sue condizioni dopo l’intervento. “Quello che è successo al nostro collega Francesco durante il pit-stop è davvero triste – ha affermando il pilota finlandese dicendo la sua sulla dinamica dell’incidente nel post-gara – Mi dispiace per lui e spero che guarisca presto. E’ sempre brutto quando qualcuno rimane ferito, ma sono certo che sia seguito dai migliori medici e gli auguro di rimettersi in fretta. Per quanto riguarda l’accaduto, tutto quello che so è che sono partito nel momento in cui ho visto la luce verde accesa. Non potevo immaginare in alcun modo che ci fosse un problema con la ruota posteriore sinistra. Poi ho visto che qualcuno si era fatto male e immediatamente il team mi ha detto di fermarmi. Purtroppo qualcosa deve essere andato storto e dovremo scoprire di che si tratta”.

Il Gran premio in Cina

Il terzo round del campionato 2018 che si corre in Cina è iniziato sotto un cielo nuvoloso e con temperature più basse rispetto a quanto previsto.

Shanghai e il circuito precedente di Sakhir hanno una cosa in comune, probabilmente l’unica: sono entrate entrambe in calendario nello stesso anno, il 2004 (e tutte e due con un successo della Ferrari, rispettivamente per Rubens Barrichello e Michael Schumacher).

Per il resto sono diverse non solo nella posizione ma anche nel tracciato. Quello cinese tende a sollecitare molto di più le gomme anteriori, inducendo al sottosterzo. Ma lo Shanghai International Circuit (modellato sull’ideogramma cinese Shang, che significa “puntare verso l’alto”) ha anche uno dei rettilinei più lunghi di questo mondiale, con i suoi 1.200 metri, per cui saranno parametri importanti anche la velocità massima e l’utilizzo del DRS.
”Credo che se troviamo il bilanciamento giusto – spiega Vettel – dovremmo essere competitivi, ma non so ancora quanto”.

Intanto oggi si faranno le prove delle prime e seconde libere. Poi si potrà fare un primo bilancio.

Le prime prove libere

Lewis Hamilton è stato il più veloce nella prima sessione, l’unico a scendere sotto il muro del minuto e trentaquattro secondi. Dietro di lui però si è classificato Kimi Raikkonen, che ha anticipato l’altra Mercedes di Bottas. In ritardo Vettel, sesto dietro alle due Red Bull di Ricciardo e Verstappen, che ha avuto un’altra uscita di pista.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto