Nuova svolta per WhatsApp: si potranno condividere documenti Microsoft Office

Dopo la crittografia e l’invio di pdf, arriva un’altra novità per WhatsApp. La annuncia il creatore della piattaforma di messaggi istantanei per smartphone Jan Koum (nella foto sotto), secondo cui nei prossimi giorni sarà possibile condividere documenti di Microsoft Office in vari formati (.doc, .docx, .ppt, .pptx, .xls, .xlsx, .csv).

aaawhatsapp02

WhatsApp, arriva la svolta: da ora cifrati chat, messaggi e telefonate, le notizie del 6 aprile 2016

“D’ora in poi ogni messaggio, foto, video, file e messaggio vocale inviato sarà criptato di default se il mittente e il destinatario useranno entrambi l’ultima versione della nostra applicazione. Anche le chat di gruppo e le chiamate vocali saranno criptate”. Lo ha annunciato su Facebbok il fondatore di WhatsApp, Jan Koum, che risponde con i fatti al braccio di ferro tra Apple e Fbi sull’accesso ai dati dell’iPhone che aveva il killer di San Bernardino (California), Syed Rizwan Farook, che insieme alla moglie, Tashfeen Malik, 14 persone e ferendone altre 17 nel dicembre 2015.

aaawhatsapp01

“Senza cifratura in balia di cybercriminali e Stati canagli”

Dunque, solo mittente e destinatario potranno accedere a messaggi, immagini, video, file e chiamate vocali, come già fa la piattaforma concorrente, Telegram. “Riconosciamo il lavoro importante delle forze dell’ordine nel tenere le persone al sicuro”, scrive Whatsapp, “ma gli sforzi per indebolire la cifratura dei dati espongono le informazioni delle persone all’abuso di cybercriminali e Stati canaglia”.

“Non entreremo nemmeno noi di WhatsApp

“Le persone meritano sicurezza”, dice ancora Koum, perché “ci permette di connetterci con chi amiamo. Ci permette di comunicare informazioni sensibili con colleghi, amici o altri. Siamo felici di fare la nostra parte nel mantenere le informazioni delle persone fuori dalla portata di criminali”. Nessuno, si legge sul blog di WhatsApp, potrà entrare nei messaggi inviati, “non regimi repressivi e nemmeno noi stessi” della società che sviluppa la piattaforma.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto