Ancona: setta macrobiotica tra Marche ed Emilia Romagna, adepti schiavizzati

Una “psico-setta” attiva tra le Marche e l’Emilia Romagna nel campo dell’alimentazione macrobiotica condizionava i suoi adepti fino al punto di schiavizzarli e propagandava l’alimentazione alternativa come terapia contro malattie altrimenti incurabili. Quattordici persone sono state arrestate adesso dalla polizia di Stato di Ancona al termine di un’indagine coordinata dalla Dda.

Millantati benefici “miracolosi”

La direzione distrettuale antimafia contesta i reati di associazione per delinquere finalizzata alla riduzione in schiavitù, maltrattamenti, lesioni aggravate ed evasione fiscale. A capo della setta c’era un noto imprenditore del settore macrobiotico. Le indagini erano state avviate nel 2013 dopo la denuncia di una ragazza, in passato vittima della setta e che ha raccontato di aver creduto ai racconti sui benefici “miracolosi” della dieta elaborata dal capo del gruppo e che, a suo dire, sarebbe stata in grado di guarire malattie incurabili per la medicina ufficiale.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto