Domani i nomi degli indagati per la morte della neonata di Ragusa

“Avremmo dovuto organizzare una festa, invece stiamo per organizzare un funerale: dovevano uscire in tre dalla casa di cure, invece usciranno in due”: così il nonno di Nicole, la neonata morta in ospedale, entrando nella clinica Gibilino di Catania per fare visita alla madre della piccola. Il nonno di Nicole ribadisce che “la nostra famiglia non accusa alcuno, ma vogliamo soltanto chiarezza, verità e giustizia”. “Ci affidiamo – aggiunge – alla magistratura, in cui abbiamo piena fiducia”.

 

Festeggiavano pochi mesi fa

La foto gioiosa che vedete era stata postata dai genitori di Nicole, e dlala mamma in aprticolare, su facebook appena il 7 dicembre scorsi.

In soli due mesi la loro vita è stata stravolta e la bambina tanto desiderata non c’è più.

 

La mamma di Nicole dimessa dalla clinica

Oggi sono state firmate le dimissioni di Tania Laura Egitto, la mamma di Nicole.  Il provvedimento è stato preso dai medici della clinica, secondo le procedure post partum. Le sue condizioni di salute sono state considerate infatti idonee alle dimissioni.

 

La Procura: la morte legata a concause

Da una “prima valutazione della documentazione”, secondo la Procura di Catania, la morte di Nicole può essere “dipesa da una complessa serie di concause, sin dal momento del parto e delle terapie effettuate nelle primissime fasi di vita” e accertamenti sono in corso su strutture centrali, 118 e modalità utilizzo e adeguatezza ambulanza.

Domani i nomi e il nuero degli indagati

Sulla morte della neonata, la Procura di Catania ha effettuato “le valutazioni necessarie per ipotizzare responsabilità penali, ai fini del compimento di atti urgenti irripetibili”. Domani si conoscerà “il numero degli indagati, che – si precisa – saranno ovviamente individuati secondo i criteri della responsabilità personale”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto