La Questura di Roma ai giornali: “Blindate gli ingressi”

L’attacco a Charlie Hebdo comincia a colpire la libertà dei giornalisti e degli operatori dell’informazione anche in Italia.

Prova ne è l’invito della Questura di Roma di blindare gli ingressi delle redazioni della carta stampata e della tv. Inoltre si prevde l’installazione di metal detector e di circuiti di videosorveglianza collegati con le sale operative di polizia e carabinieri.

Queste le raccomandazione agli organi di stampa, dopo l’innalzamento delle misure di sicurezza davanti a obiettivi sensibili dopo i fatti di Parigi. La Questura ha predisposto e reso operativo un piano, coordinato con le altre forze di Polizia, che prevede un rafforzamento delle misure di sicurezza.

Particolare attenzione per la redazione de Il Fatto quotidiano che ha deciso di ristampare in Italia il numero di Charlie Hebdo.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto