The last Panthers: un grande thriller alle 21 su Sky, supercast e musica di Bowie

Arriva stasera su Sky Atlantic “L’ultima Pantera” (The last Panthers), il thriller “europeo” che non solo ambienta la serie nelle maggiori capitali del Vecchio Continente, da Londra a Parigi a Belgrado, dalla Germania all’Irlanda all’Austria, ma riunisce un super-cast altrettanto internazionale (l’inglese Samantha Morton, due volte candidata all’Oscar, il francese Tahar Rahim, vincitore di due Cesar, il croato Goran Bogdan oltre a John Hurt, vincitore di un Golden Globe) e ha la colonna sonora – “Blackstar” – composta da David Bowie, che da vent’anni non si concedeva al cinema e tanto meno ala tv.

Qui potete vedere il video con l’anteprima.

 

Sei puntate in onda il venerdì alle 21,10

Poiché non basta un cast di glorie per fare un bel film, bene anticipare che la serie – sei puntate in onda il venerdì alle 21,10 sul canale 110, Sky Atlantic HD – è, soprattutto, avvincente: presentato fuori concorso al RomaFictionFest ha ricevuto meritati applausi.

 

Un furto di diamanti a Marsiglia

Un giallo classico, che inizia con un clamoroso furto di diamanti a Marsiglia, preparato in modo scientifico: i banditi a viso scoperto non dicono una sola parola che possa rivelare la loro origine, ma danno indicazioni con “bigliettini” e costringono la direttrice a dare loro le chiavi della cassaforte non con le armi ma versandole in testa un secchio di vernice rosa. La “firma” delle Pantere Rosa…

 

La guerra di Khalil ai trafficanti

Ma le cose non vanno per il verso atteso. È scattato l’allarme, la polizia è all’inseguimento, non basta ai tre dividersi per far perdere rocambolescamente le loro tracce: una pistola, un colpo fuori segno, una bambina che muore.

Per Marsiglia è la 26° vittima in un anno, e Khalil, il poliziotto franco-algerino che si occupa del caso, inizia la guerra ai trafficanti d’armi; per l’assicurazione è un ammanco di 15 milioni di euro, e Naomi, l’affascinante perita assicurativa, deve ad ogni costo recuperare i diamanti; per i banditi – di cui il capo è l’ultimo erede di una banda di Robin-Hood balcanici, le “Pantere rosa”, appunto – inizia la difficile ricerca di un ricettatore in giro per l’Europa per piazzare quei diamanti sporchi di sangue.

 

Una rete di corruzione che unisce l’Europa

Le loro strade si incroceranno più volte, sullo sfondo della storia d’Europa (la guerra dei Balcani segna ancora anche il presente), tra morti ammazzati e malfattori di ogni risma e ogni Paese, soprattutto in una rete di corruzione che unisce mezza Europa. Una “Europa unita del crimine”, appunto, raccontata con maestria per la tv dallo sceneggiatore Jack Thorne (quello di “Skin”) e dal giornalista francese Jerome Pierrat, con una postilla necessaria: il telefilm è tratto da una storia vera.

Qui il video con la colonna sonora di Bowie.

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto