Green ed economici, i cosmetici bio arrivano al supermercato

Creme, balsami labbra, shampoo e lozioni per il corpo. La cosmesi bio arriva al supermercato, e finalmente è a portata di tutti. La “rivoluzione” arriva da Conad, che ha appena lancia la sua linea Naturaline: 21 prodotti biologici certificati secondo il disciplinare Ecocert, con in media il 98,5% di ingredienti vegetali, al 50% da agricoltura biologica.

 

Niente conservanti, paraffine, ogm
Gli unici ingredienti di origine animale “ammessi” sono miele e latte, anch’essi rigorosamente da agricoltura biologica.
La linea comprende creme per il viso classiche, da giorno e da notte, antiage all’acido ialuronico, gel doccia, shampoo e balsamo, creme per il corpo e per le mani, detergenti, balsami labbra, tutti privi di ingredienti problematici come coloranti, oli minerali, silicone, paraffina, ogm, conservanti come parabeni o fenossietanolo, ogm e nanoparticelle.
Esclusi anche i profumi sintetici: al loro posto ci sono fragranze naturali, anche insolite, come il cetriolo, l’ibisco, guava, basilico e cetriolo.

 

Mai sopra i 10 euro
Ma l’aspetto più originale è senz’altro il prezzo assai contenuto di tutti i prodotti: le creme per il viso, anche le antiage costano meno di 10 euro, i detergenti superano di poco i 4 euro, e così shampoo e balsamo, i gel doccia 3,90 euro.
Anche trovarli sarà facile, visto che vengono distribuiti in tutti i punti vendita Conad.

 

Il concorso: scatta la tua foto e avrai un kit
L’insegna della Gdo ha anche lanciato un corcorso legato alla linea Naturaline: #amicheperlapelle.  Le consumatrici possono caricare  le foto di “bellezza al naturale” scattate con le proprie amiche e  sul micro sito esperienziale www.amicheperlapelle.conad.it, e poi condivise su facebook per farle votare ai propri amici. Quelle più votate di ogni settimana parteciperanno a un’estrazione di kit di prova prodotto. Il concorso dura fino al 13 dicembre e potranno partecipare donne e uomini, iscritti a facebook (maggiori di 14 anni), residenti in Italia.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto