La Camera vara il Rosatellum, la legge elettorale passa al Senato

La Camera ha approvato ieri sera il Rosatellum 2.0 con 375 sì e 215 no. La legge elettorale ora dovrà essere approvata in Senato.
Dopo tre votazioni di fiducia, il testo è passato con voto segreto, superando la barriera dei franchi tiratori.

Lo attende il vaglio del Senato, con una possibile nuova fiducia.

Uno strascico di polemiche

Intanto, il tour de force alla Camera lascia il segno con uno strascico di polemiche in cui a tenere banco sono state le proteste in piazza del Movimento Cinque Stelle e della sinistra.

In particolare sotto accusa è la norma definita dai 5 stelle e da Mdp “salva- Verdini”, che consente a chi è residente in Italia di potersi candidare anche nelle circoscrizioni estere.

Spaccature anche nel centro-destra

Il Rosatellum crea ulteriori spaccature nel centro-destra, con Lega e Forza Italia a sostegno della legge ed Fdi posizionato sul fronte del no. Pur senza entrare nei dettagli, il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, guarda con attenzione all’approvazione della legge: “Non è il tempo dell’irresponsabilità – osserva il premier – al di là di ogni comprensibile tensione politica dobbiamo mettere al primo posto l’Italia. Per quanto riguarda il governo si farà ogni sforzo per giungere ad una conclusione ordinata della legislatura”.

Brunetta, grande soddisfazione, ok buona legge”

Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia esprime “Grande soddisfazione per il via libera della Camera dei deputati al Rosatellum bis. Il gruppo di Forza Italia è stato leale e coerente, abbiamo mantenuto gli impegni presi con gi altri gruppi parlamentari che hanno sostenuto questa legge elettorale”.

“Abbiamo sempre sottolineato la necessità – aggiunge Brunetta – che le norme sul voto fossero una prerogativa del Parlamento e oggi abbiamo adempiuto, in modo responsabile, al nostro dovere di legislatori. Un ringraziamento a tutti i deputati azzurri e in particolare al nostro capogruppo in Commissione affari costituzionali Francesco Paolo Sisto, agli altri membri Annagrazia Calabria, Elena Centemero, Laura Ravetto, che insieme a Roberto Occhiuto (che per Forza Italia ha seguito questo delicato dossier) e a Gregorio Fontana hanno contribuito in maniera determinante, con il loro lavoro, alla buona riuscita di questo delicato iter parlamentare”.

“L’Aula di Montecitorio – conclude  il presidente dei deputati di Forza Italia – ha approvato una buona legge, frutto di un compromesso, la migliore possibile nella situazione attuale. Adesso auspichiamo che il testo venga approvato in tempi rapidi anche dal Senato”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto