Listeria: richiamato un lotto di prosciutto cotto Fiorucci

Ancora allarme per la listeria.

Richiamato dal commercio un lotto del prosciutto cotto “Cesare Fiorucci”.

Il richiamo “cautelativo per possibile presenza di Listeria” da parte del ministero della Salute è pubblicato sul sito del dicastero.

Il lotto interessato scade il 5 agosto

Si tratta del prodotto “Prosciutto cotto Quanto basta per due persone 90 g”, lotto 8278001840 con scadenza il 5 agosto 2018.

Si invitano quindi i consumatori che avessero acquistato il prodotto del lotto indicato a non consumarlo e riportarlo al punto di vendita.

Questo è il quarto richiamo in Italia, dopo le verdure surgelate Freshona, i minestroni Findus e un lotto di mix di verdure surgelate a marchio Pinguin, a causa del focolaio europeo di listeriosi che dal 2015 ha causato 47 casi, di cui 9 fatali.

 

 

I ritiri del 12 luglio

Un lotto di mix di verdure surgelate a marchio Pinguin è stato richiamato dal Ministero della Salute per la presenza di Listeria monocyotgenes.

Si tratta di confezioni in formato da 2,5 kg, con il numero di lotto W171583 8G e scadenza 06/07/2019, prodotte da Greenyard Frozen Belgium, in uno stabilimento in Ungheria. È il terzo richiamo in Italia, dopo le verdure surgelate Freshona e i minestroni Findus, a causa del focolaio europeo di listeriosi, che dal 2015 ha causato 47 casi, di cui 9 fatali.

Le notizie del 10 luglio

“Continuo a seguire con attenzione la vicenda del batterio Listeria. Il ministero ha subito attivato anche i Nas, che stanno compiendo ispezioni a campione. Presto conto di avere un quadro esauriente della situazione”.

È questo il contenuto di una nota della ministra della Salute, Giulia Grillo, in merito al ritiro in via precauzionale da parte delle aziende Findus e Freshona di alcuni lotti di verdure surgelate per rischio di contaminazione.

Il ministero sostiene anche che la situazione è sotto controllo e nond esta particolari rpeoccupazioni.

 

Le notizie del 9 luglio

 

Dall’Italia, alla Germania al Regno Unito passando per l’Austri: in Europa si allargano i ritiri di prodotti alimentari surgelati, a seguito del possibile rischio di contaminazione da Listeria. Il pericoloso batterio, di cui è in corso un’epidemia dal 2015 che nel vecchio continente ha causato 47 casi e 9 decessi, si trasmette attraverso cibi contaminati, ma viene ucciso attraverso la cottura.

Diverse marche coinvolte

Diverse le marche coinvolte nell’operazione precauzionale che riguarda mais e verdure.

Lotti di minestrone Findus e lotti di verdure e mais Lidl sono stati ritirati, come rendono noto le aziende sui propri sito web.

 

La ministra della Salute: “In Italia ritiri precauzionali”

“Al momento non risultano focolai di Listeria in Italia ed il ritiro dei prodotti sono effettuati in via precauzionale: spiega la ministra della Salute, Giulia Grillo, che aggiunge: “Sto seguendo con la massima attenzione la vicenda del batterio Listeria. I miei uffici hanno subito predisposto tutti i controlli e le misure necessarie”. I ritiri fanno seguito a una segnalazione di allerta europea proveniente dall’Ungheria. La Listeria é resistente alle basse temperature e, ricorda il ministro, viene inattivata con la cottura.

I lotti interessati della Findus

Minestrone Tradizione da un KG (L7311, L7251, L7308, L7310, L7334); Minestrone Tradizione 400g (L7327, L7326, L7304 e L7303); Minestrone Leggeramente Sapori Orientali 600g (L7257, L7292, L7318, L8011) e Minestrone Leggeramente Bontà di semi 600g (L7306). Chi si trovasse in possesso dei prodotti in questione, è invitato a contattare, per qualunque informazione, il numero verde 800906030 o l’indirizzo mail urgente@findus.it. Il richiamo precauzionale e su base volontaria, precisa infine l’azienda, “si riferisce esclusivamente ai lotti dei prodotti menzionati e non riguarda in nessun modo né altri lotti degli stessi prodotti, né altri prodotti a marchio Findus”.

… e quelli della Lidl

I lotti interessati dal ritiro Lidl sono quelli surgelati a marchio Freshona nei punti vendita della sola Sicilia. L’annuncio da parte della GREENYARD N.V., è sul sito della Lidl. Questi i lotti: Art. 79520 “Freshona” Mais surgelato, 450g Codice a barre 20417963; Art. 12105 “Freshona” Mix di verdure surgelate, 1000g – Assortimento Gemüsemix – Mix di verdure Codice a barre 20039035.

“La decisione, volontaria e in via del tutto precauzionale, di richiamare questi prodotti – si legge sul sito Findus – è stata presa a seguito della segnalazione della potenziale contaminazione da Listeria di una partita di fagiolini, utilizzati in minima parte all’interno dei prodotti oggetto del richiamo”. La cottura annulla i rischi per la salute.

 

Le notizie del 7 luglio: 14 lotti di minestrone Findus

Quattordici lotti di minestrone Findus sono stati ritirati dall’azienda per il rischio di contaminazione da Listeria. Lo rende noto l’azienda in un avviso pubblicato sul proprio sito web.

“La decisione, volontaria e in via del tutto precauzionale, di richiamare questi prodotti – si legge – è stata presa a seguito della segnalazione della potenziale contaminazione da Listeria di una partita di fagiolini, utilizzati in minima parte all’interno dei prodotti oggetto del richiamo”. La cottura annulla i rischi per la salute.

Un batterio pericoloso

La listeria è un pericoloso batterio di cui è in corso in Europa un’epidemia che ha causato finora 47 contagi e 9 decessi. “Findus tiene a precisare che la categoria dei prodotti oggetto del richiamo prevede il consumo solo previa cottura, come chiaramente indicato sulle confezioni. La cottura del prodotto annulla ogni potenziale rischio per la salute”.

 

I lotti di Findus interessati dal ritiro

Questi i lotti interessati dal ritiro della Findus: Minestrone Tradizione da un KG (L7311, L7251, L7308, L7310, L7334); Minestrone Tradizione 400g (L7327, L7326, L7304 e L7303); Minestrone Leggeramente Sapori Orientali 600g (L7257, L7292, L7318, L8011) e Minestrone Leggeramente Bontà di semi 600g (L7306). Chi si trovasse in possesso dei prodotti in questione, è invitato a contattare, per qualunque informazione, il numero verde 800906030 o l’indirizzo mail urgente@findus.it. Il richiamo precauzionale e su base volontaria, precisa infine l’azienda, “si riferisce esclusivamente ai lotti dei prodotti menzionati e non riguarda in nessun modo né altri lotti degli stessi prodotti, né altri prodotti a marchio Findus”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto