Divorzio breve, boom di anziani: il 20% di chi lo chiede è over 65

Il 20 per cento delle richieste di divorzio breve presentate dall’entrata in vigore della nuova legge arriva da coppie over 65. Lo scrive oggi il Corriere della Sera, che in un articolo racconta di come i matrimonialisti abbiano già ribattezzato le neodivorziate non più giovanissime le “vedove della pillola blu”.
Inutile dire che la pillola blu è il viagra, che ridesta negli uomini anziani “antichi appetiti” la cui diretta conseguenza è, spesso, la “fuga” da casa con amanti molto più più giovani e non sempre disinteressate.

 

Tutti in attesa del divorzio breve

Il Corriere, che ha basato la sua investigazione sui dati di alcuni studi legali romani specializzati in diritto di famiglia, investiti dalla novità del divorzio breve, scrive inoltre che da quando è entrata in viore la norma sul divorzio breve “l’afflusso di telefonate e richieste di appuntamenti negli uffici di Prati, Trionfale, Flaminio e di tutto il distretto delle toghe ha confermato le attese”. E se è ancora presto per avere i numeri, l’identikit dei neodivorziati è già chiaro.

 

Giovani e anziani

Il profilo medio di chi divorzia è 44 anni lui – 41 anni lei, il più delle volte la durata delle nozze è olto breve. C’è chi fa la richiesta pochi mesi dopo il sì, chi non regge ai cambiamenti della coppia. “È comunque estremamente frastagliata la tipologia di chi sta usufruendo della nuova legge. C’è la coppia appena rientrata dal viaggio di nozze e quella a cui è appena nato un figlio. Quella che già viveva separata e quella che non aspettava altro che potersi rifare una vita ma si era scoraggiata di fronte alla sempre temuta burocrazia”.
E aumentano gli over 65, che rappresentano una richiesta ogni cinque. Tra questi spicca una coppia di anzianissimi: 90 anni lui, 80 lei. Non è dato, purtroppo, conoscere le cause della separazione.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto