Miranda Martino: la mia carriera bloccata da una vendetta personale (video)

Un’avventura durata una vita, quella di Miranda Martino, iniziata grazie a un concorso indetto dalla Rai negli anni ’50, che l’ha portata a esibirsi come cantante, attrice di teatro, di prosa radiofonica e televisiva e di cinema lavorando con i più illustri artisti: Michele Galdieri, Macario, Nino Taranto, Carlo Dapporto, Luigi Squarzina, Garinei e Giovannini.

Ora ecco il suo nuovo libro “Caduta in un gorgo di torbide passioni” (Collana Pop Story, Iacobellieditore, 352 pagine, 19 euro) che sarà presentato durante la manifestazione “Libri come” a Roma, presso l’Auditorium Parco della musica/studio 3 – sabato 17 marzo ore 13.

 

 

Impegno politico e rivoluzione sessuale

La seconda gioventù di Miranda Martino inizia proprio in un anno fatidico come il 1968, con l’impegno politico e la rivoluzione sessuale, e si impegna sul piano culturale scrivendo il libro-inchiestra Uomini e droga, dirige il Teatro dei Cocci con i lunedì letterari dedicati a Pasolini, Pavese e Garcia Lorca.

A distanza di quasi 70 anni, i ricordi della cantante sono straordina­riamente vivi e ricchi di dettagli.

Uno sconvolgente episodio inedito

L’autrice racconta un episodio inedito e cioè come la sua carriera subì un drastico arresto quando “il maestro”, come la cantante lo chiamerà dopo averlo nominato solo una volta – un nome insospettabile! -, commise delle bassezze che bloccarono le sue apparizioni alla Rai per molti anni. Una pugnalata orribile ricevuta dalla persona amata che, insieme alla carriera, ha rovinato anche la sua vita!

Colpi di fulmine  e gesti galeotti

Questo libro è un’autobiografia di una lunga, stellare avventura nel mondo dello spettacolo, proseguita sui palchi più prestigiosi d’Italia e del mondo, fra incontri artisti­ci indimenticabili, colpi di fulmine galeotti, disastrosi errori di valutazione, profonde ferite e coraggiose ripartenze.

Infine c’è da ricordare che il volume è arricchito dalla discografia completa, teatro, radio e tv.

 

 

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto