Italia’s Got Talent: gli ascolti premiano il trasloco su SkyUno

Il tocco di Sky si sente. Come già successo per X Factor, anche in questo caso il passaggio dalla tv generalista al colosso satellitare ha fatto molto bene a Italia’s got talent, togliendogli quel carattere un po’ casalingo e casareccio della versione targata De Filippi (in onda per cinque edizioni su Canale 5) e rendendolo qualcosa di molto più simile ai format internazionali a cui si ispira: Britain’s ed America’s Got Talent.

Il balcone del Papa
La partenza spettacolare (con i quattro giudici inquadrati affacciati dal balcone da cui il Papa recita l’Angelus e con piazza San Pietro gremita di folla sotto di loro), le riprese dettagliate e ad effetto, la location curata e coinvolgente (con grande spazio alle reazioni del pubblico in sala), il montaggio praticamente perfetto, già visto a X Factor, tra le migliaia di concorrenti partecipanti alla selezione, con un gioco calcolato di alternanza tra davanti e dietro le quinte: è qui che si è visto l’intervento della mano e della visione della tv di Murdoch.

 

aaaaragazzofoco

Ottomila talenti ai casting
Ma non è solo questo. A rendere migliore il programma (per quel che si può) è stata sicuramente la giuria: Claudio Bisio, Luciana Littizzetto, Nina Zilli e il performer, autore e star del web Frank Matano.
Sono stati loro, ieri sera nella prima puntata delle lunghissime selezioni (sette puntate registrate per visionare circa 8.000 talenti prima di passare alle dirette) a rendere sopportabili, con le loro uscite e le loro battute, quasi due ore di esibizioni di ogni genere dei “talenti” nostrani: alcune davvero belle e toccanti (come il rap del duo Shark e Groove (nella foto), due giovani in cerca di un riscatto dal loro handicap) e tuttavia in qualche caso piuttosto inutili e a cui si fa fatica a trovare un senso.

Dubbi sul fachiro e sui serpenti
Come collocare e dove nello spettacolo, per esempio, l’addestratrice che fa ballare il flamenco al suo cane o il fachiro che si infila in bocca iguane e serpenti (“Ma questo limona con i rettili!” il commento azzeccato della Litti)?

Il senso (incomprensibile) di Vanessa
Come è difficile trovare un senso alla presenza di Vanessa Incontrada. Dovrebbe essere la presentatrice del programma, ma in realtà in questa fase non fa altro che assistere alle esibizioni da dietro le quinte, in compagnia di parenti e amici dei talenti. Come Alessandro Cattelan a X Factor. Peccato che priva del suo brio e della sua spontaneità, il ruolo dell’Incontrada è molto più simile a quello che aveva Belen Rodriguez nella versione del talent in onda su Canale 5. Ma se per l’argentina andava benissimo, non si capisce perché l’Incontrada, reduce dagli ascolti record su RaiUno con “Un’altra vita”, non si limiti a fare le fiction e accetti questa “retrocessione”.

Ottimi i dati di ascolto

La presenza di oltre 1 milione e 100.000 spettatori, con uno share quasi del 3%, rappresenta – comunque – il miglior esordio per una produzione di SkyUno. Qui potete consultare la pagina Facebook del programma con moltissimi video.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto