Le 12 cose più sporche che tocchiamo ogni giorno

1 La spugna della cucina
La maggior parte delle persone è convinta che la stanza più sporca della casa sia il bagno. Sbagliato: è la cucina. Secondo uno studio la spugna della cucina è in media 200.000 di volte più sporca della tavoletta del water.
Peccato che con quella spugna siamo soliti pulire le superfici dove appoggiamo i cibi. Anche maniglie e utensili vanno lavati con frequenza.

 

2 I soldi
Basta un numero: sulla superficie di ogni moneta o banconota si annidano da 126.000 a 135.000 batteri.

 

3 Le maniglie della porta
Quante volte puliamo le maniglie delle porte? E quante volte ci mettiamo sopra le mani, magari senza averle prima lavate? È per questo che andrebbero pulite ogni giorno. A meno di non volere aprire le porte con i gomiti.

 

4 I distributori automatici e pulsanti di ascensori
I pulsanti delle macchinette distributrici, così come quelli degli ascensori, sono come le maniglie degli autobus, le ringhiere delle scale mobili e le porte dei bagni pubblici: tutti ci mettono le mani. Se una persona portatrice di un virus o un’infezione tocca il pulsante, e lo si ritocca entro cinque minuti, c’è un’altissima probabilità di contrarre quella malattia virale o quella infezione.

 

5 Il Bancomat
Non sono semplicemente sporchi. Secondo uno studio, sui tasti dei bancomat proliferano due famiglie particolari di batteri: bacillus e pseudomonad, entrambi portatori di disturbi gastrointestinali e diarrea.

 

6 I carrelli del supermercato
Non ci avevate mai pensato, ma anche i carrelli del supermercato sono portatori di virus e batteri. Anche perché, chi li tocca, tocca contemporaneamente scatole di cibo, alimenti soldi. Un bel mix.

 

7 Gli interruttori della luce
Vedi alla voce maniglie e pomelli. Vengono puliti meno spesso rispetto alle altre superfici della casa, ma è lì che finiscono le nostre dita appena rientriamo in casa.

 

8 Il telefono cellulare
Lo tocchiamo con le mani, ci parliamo sopra trasferendo ciò che abbiamo dentro attraverso fiato e goccioline di saliva. E tra un tasto a l’altro, se non è un touch screen, ci si infila di tutto. Se non lo si pulisce almeno una volta a settimana, diventa un veicolo di sporcizia e malattie, anche per la pelle del viso.

 

9 Il pavimento del bagno
Lavarlo come un qualunque pavimento non basta, bisogna passarci acque detersivo più spesso, e più accuratamente.

 

10 Lo schermo del pc
È sporco almeno quanto le pareti del wc. Con la differenza che quest’ultimo, se non altro, gode di un passaggio continuo di acqua corrente. Spruzzare almeno una volta alla settimana un detergente antibatterico ci salva dai malanni.

 

11 Il forno a microonde
Ricordate che il calore favorisce il proliferare di batteri. E che i cibi, specie se il fornetto è uno di quegli apparecchi piccoli da ufficio, finisce per sfiorarne le superfici.

 

12 La tavoletta del water
Non poteva mancare nell’elenco, e le ragioni sono ben note a tutti. Tassativo lavare le mani ogni volta che si esce da un bagno pubblico.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto