Corona condannato solo a un anno, Fabrizio al suo avvocato: “Sei un grande”

Verdetto favorevolissimo per Fabrizio Corona. La Procura aveva chiesto una condanna a 5 anni, invece il Tribunale ha deciso per una condanna a dodici mesi.

È decisamente “leggera” la decisione sull’ultima vicenda giudiziaria nella quale è rimasto implicato Fabrizio Corona, l’ex manager dei paparazzi tornato in carcere nel mese di ottobre dopo la scoperta di oltre 2 milioni e mezzo di euro in parte in un controsoffitto di una sua amica molto “fedele”, in parte in cassette di sicurezza in Austria. Francesca Perso, la persona di fiducia di Fabrizio Corona, è stata condannata a soli 3 mesi.

 

Sono cadute due imputazioni

Il collegio del Tribunale presieduto da Guido Salvini ha fatto cadere due delle imputazioni: l’intestazione fittizia dei beni in relazione ai soldi in contanti e la violazione delle norme patrimoniali sulle misure di prevenzione. Corona, dunque, è stato condannato solo per il reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

Dopo aver ascoltato la lettura della sentenza, il fotografo si è lasciato andare a un vero e proprio sfogo: ha esultato, picchiando pugni sul tavolo e, rivolgendosi al suo avvocato, gli ha detto: “Sei un grande”. In aula si sono levati applausi e qualche grido da parte dei conoscenti che erano lì per sostenere Corona.

Fabrizio non esce dal carcere, ma potrà farlo – afferma il suo avvocato, Ivano Chiesa, al termine di un “percorso”.

 

 

Nessuno scontro tra Belen e il suo ex amore dalle mille attività: le notizie dell’11 maggio

“Fabrizio Corona è il signore delle buste di contanti, se Fabrizio non aveva una busta con 10 mila euro nella tasca della giacca non era tranquillo, lui era fissato con i contanti, usava sempre le buste anche al ristorante, ogni volta che salivo in macchina c’erano buste”: così, Belen Rodriguez al Palazzo di Giustizia di Milano oggi ha testimoniato nel processo all’ex ‘re dei paparazzi’, ha raccontato la quantità di denaro che arrivava in mano ‘cash’ al suo ex fidanzato.

 

Sguardi e sorrisi all’ex paparazzo

La showgirl, tra l’altro, dopo aver riservato sguardi, sorrisi e saluti con una mano all’ex agente fotografico, prima e dopo la deposizione, ha anche detto che nel periodo in cui avevano un relazione, tra il 2009 e il 2012, “eravamo ben pagati tutti e due, eravamo una coppia esplosiva”. Ha iniziato la testimonianza dicendo di essere “molto agitata” e poi si è anche un po’ commossa quando ha raccontato che “anche Fabrizio ogni tanto crollava, perché aveva paurissima che lo venissero a prendere per portarlo dentro”.

 

I 2,6 milioni di euro trovati in Austria

Questa mattina all’arrivo della Rodriguez, maglietta bianca, jeans e scarpe rosse (come mostrano le foto), c’era una folla di fotografi, cameramen e giornalisti. Rodrigez è testimone al processo a carico di Fabrizio Corona per la vicenda del 2,6 milioni di euro in contanti ritrovati in parte in Austria, in parte nel controsoffitto della sua collaboratrice Francesca Persi (anche lei imputata).

La showgirl è stata citata come teste, davanti al collegio presieduto da Guido Salvini, dalla difesa di Corona per deporre sulla disponibilità di denaro contante dell’ex agente fotografico negli anni 2008-2012, ossia anche nel periodo in cui i due hanno avuto una relazione.

Corona: “Allora eravamo come Bonnie and Clyde”

Tanto che lo stesso Corona, seguendo la sua linea difensiva, in dichiarazioni spontanee in una delle scorse udienze aveva raccontato che quei 1,7 milioni di euro in contanti trovati in un controsoffitto venivano “tutti da serate, campagne pubblicitarie e lavoro e li ho fatti tra il 2008 e il 2012”. E, in particolare, “li ho fatti nel 2009 – ha aggiunto – quando con Belen Rodriguez siamo diventati una coppia mediatica eccezionale, come Bonnie e Clyde eravamo, tutto quello che toccavamo diventava oro”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto