Maltempo: esonda il Seveso, ancora piogge e grandine dal pomeriggio

Bomba d’acqua nella notte in Brianza e nella zona a Nord di Milano. Una serie di temporali di forte intensità hanno creato problemi alla circolazione e il Seveso è esondato dalle parti di Niguarda intorno alle 23.30, mentre il Lambro è stato sui livelli di allerta e viene tuttora monitorato dalla polizia locale.

Problemi alla circolazione

Disagi si sono avuti alla circolazione su strade e autostrade: a Milano sono ancora chiusi alcuni sottopassi come quello di via Stephenson, Astesani e Sant’Elia, con rallentamenti per chi stamani si reca a lavoro. A Lissone sette auto sono rimaste intrappolate in seguito ad allagamenti. I vigili del fuoco, solo dalle 22 di ieri sera, sono intervenuti per oltre cento chiamate. Gli interventi più comuni sono stati per allagamenti di scantinati, balconi e tetti pericolanti, cedimenti di ponteggi, e alberi caduti.

Per il week end allerta sul Nord-Ovest

Ancora stenta la primavera. Una nuova perturbazione è in arrivo sull’Italia per il week end, in particolare sulle regioni nord occidentali. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso una allerta meteo che prevede, a partire dal pomeriggio di oggi, temporali localmente anche molto intensi e accompagnati da grandinate, fulmini e forti raffiche di vento, su Piemonte e Lombardia, specialmente sui settori alpini.

Le notizie del 5 maggio

Dopo una breve pausa torna Igor e la primavera ancora stenta a insediarsi. Arriva un’intensa perturbazione atlantica che – nel week end del 6 e 7 maggio –  porterà temporali e locali nubifragi al Nord e parte del Centro.

Esaminiamo le due giornate nelle previsioni del sito specializzato ilmeteo.it.

Sabato 6 maggio

La giornata parte bene con condizioni di bel tempo, ma con un cielo parzialmente nuvoloso o localmente coperto sul Triveneto. Nel corso del pomeriggio peggiora rapidamente al Nordovest con piogge e temporali che aumenteranno d’intensità nel corso delle ore. Precipitazioni in estensione al resto del Nord Toscana e Umbria. Neve, dapprima sopra i 2000 metri, poi in calo fin sopra i 1600 metri al Nordovest, sempre a quote elevate al Nordest.

Domenica 7 maggio

La perturbazione libera gradualmente il Nord dove ci saranno le ultime piogge, specie sui settori orientali montuosi. Instabilità invece al Centro, specie lungo l’Appennino, ma anche in Toscana, Umbria, Lazio settentrionale, con precipitazioni sparse, localmente temporalesche.
Le temperature sono in graduale aumento, clima mite di giorno nel corso di questo weekend.

 

Le previsioni del 30 aprile

Un weekend lungo all’insegna del bel tempo che però virerà verso un peggioramento lunedì 1° maggio. Dopo le precipitazioni e i temporali prima al Nord e poi al Centro-Sud, le condizioni meteo vanno verso una stabilizzazione con temperature in aumento. Il vento di scirocco, sulle regioni meridionali, porta verso l’alto la colonnina di mercurio toccando i 30 gradi in Calabria e Sicilia e i 27 in Abruzzo, Molise, Puglia e Campania.

Lunedì il peggioramento

Il 1° maggio, giorno della Festa dei Lavoratori, che chiude il fine settimana di ponte, si addenserà tuttavia a partire da Nord-Ovest una perturbazione che porta a piogge e temporali e che, nel corso della giornata, andrà tutta l’area settentrionale. Le precipitazioni localmente potranno anche essere forti e con la nuova settimana l’instabilità potrà manifestarsi anche sua fascia tirrenica. Clima primaverile invece al Sud.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto