Scuola, scattano le iscrizioni: tutti i siti utili

La partenza, ufficialmente, è per il 15 gennaio. Ma già oggi, a tre giorni dall’apertura ufficiale delle iscrizioni scolastiche per l’anno 2015/16, è possibile anticipare la procedura, effettuando la registrazione al sito del ministero dell’Istruzione.
Le iscrizioni on line riguardano tutte le scuole pubbliche di ordine e grado e per la prima volta, nelle Regioni che hanno aderito, i corsi di istruzione e formazione presso i Centri di formazione professionale regionali. Per le scuole paritarie, invece, è meglio richiedere informazioni presso i singoli istituti. Il termine massimo per presentare la domanda è il 15 febbraio.

Per chi non il pc c’è la scuola
Per iniziare la procedura, bisogna andare sulla pagina web creata dal ministero  (a cui si può accedere anche dalla home). La procedura è attiva 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Si può interrompere e riprendere senza perdere i dati inseriti.
Chi non ha il computer o il collegamento a internet può recarsi direttamente presso la segreteria della scuola scelta e compilare da lì la domanda.

Password da salvare
Durante la registrazione viene chiesto un indirizzo e-mail al quale, entro 24 ore, viene inviata una richiesta di conferma. A partire da questa comincia la registrazione vera e propria, per cui occorre il numero di codice fiscale e quello della carta di identità. A conclusione della registrazione viene fornita una password. La password non viene registrata da nessuna parte, per cui è opportuno trascriverla o salvarla.

Tutte le istruzioni
Chi ha più figli deve registrarsi una sola volta, e avrà una sola password.
Chi è straniero può registrare il proprio figlio anche senza codice fiscale, attraverso la generazione di un codice provvisorio.

Dove trovare il codice della scuola
Per effettuare l’iscrizione è necessario indicare il codice di riferimento dell’istituto scolastico prescelto, reperibile  sul sito Scuola in Chiaro: compilando l’apposita form online, infatti, il sistema effettua una ricerca basata su alcuni criteri territoriali (Regione, Provincia, Comune) e sulla tipologia (scuola statale o paritaria). In questo modo è possibile ottenere una scheda informativa dettagliata della struttura, contenente non solo il codice ma anche l’elenco dei servizi e la mappa per la geolocalizzazione.

 
Inutile correre
Il ministero ha assicurato che l’accettazione delle iscrizioni non ha nulla a che vedere con l’ordine di arrivo, per cui è inutile affrettarsi a fare le iscrizioni il primo giorno utile.
Il modulo di iscrizione, in ogni caso, arriva attraverso il sistema direttamente alla scuola scelta. Chi si accorge di avere commesso errori può recarsi di persona e cercare di correggere.

 
Il 16 febbraio il verdetto
A iscrizioni chiuse, il 16 febbraio, le scuole valutano le domande e creano la graduatoria degli iscritti. Se la domanda è stata accettata dalla prima scuola segnalata la conferma arriva via e-mail, altrimenti viene comunicato lo smistamento a una delle altre ipotesi segnalate e da queste poi arriva l’eventuale conferma.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto