Lidl: niente croci sulle chiese del poster pubblicitario, esplode la polemica

Per non urtare la sensibilità religiosa di clienti di fede non cristiana, Lidl, marchio della grande distribuzione, ha fatto sparire le croci dalle foto in bianco e nero delle chiese di Dolceacqua (Imperia) che aveva scelto per farne un poster da tenere alle casse del punto vendita di Camporosso (nell’immagine sotto). Così le croci sulla facciata e sul campanile della chiesa di Sant’Antonio Abate sono sparite.

Il sindaco: “Cambino soggetto”

L’iniziativa ha fatto infuriare il sindaco e ha scritto ai vertici aziendali, annunciando di rivolgersi a un legale se le immagini usate non saranno ripristinate. “Mostrate foto di Dolceacqua che rispecchiano la realtà. Se non volete le croci, piuttosto mettete il castello Doria”, dice Fulvio Gazzola. “Loro dicono che è una campagna nazionale ed europea quella di togliere i segni religiosi. Sono liberi di fare come vogliono, ma non rovinino le foto, basta soltanto cambiare il soggetto”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto