Rosmarino: i trucchi per potarlo e farlo crescere rigoglioso

Che abbiate un orto perché abitate in campagna o vasi sul terrazzo in città, ecco che il rosmarino è un’erba aromatica che difficilmente può mancare. Ma di cui ci si deve prendere cura per evitare che le temperature fluttuanti di questi giorni e i picchi di calore annunciati per i primi giorni di luglio lo danneggino. La potatura e il travaso sono elementi fondamentali per la sua buona salute. Come fare? Intanto esporlo al sole (per quanto possa sopravvivere d’inverno fino a 15 gradi sotto zero) e poi prendere qualche misura. Il rosmarino va potato dosando la parte della pianta da rimuovere. Attenzione dunque a non superare i 3 o 4 centimetri dalla punta del ramo.

I consigli su vasi e terreno

Inoltre tenete d’occhio la crescita della pianta per essere pronti a trasferirla in un vaso più grande che, in via preferenziale, deve essere in terracotta. Da evitare invece quelli di plastica che impediscono all’umidità di evaporare in modo corretto. Infine un consiglio sulla scelta del terriccio: deve essere calcareo e sassoso facendo attenzione a creare uno strato di base composto da piccole pietre e ghiaia che contribuiscono a far defluire l’acqua in eccesso scongiurando ristagni che possono creare problemi.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto