Amici di Maria De Filippi non è un plagio: assolta la conduttrice

Amici di Maria De Filippi non ha plagiato il format televisivo della trasmissione “La scuola in diretta”, andato in onda su Italia 1 tra il dicembre 1995 e maggio 1996. Lo dice la sentenza pronunciata dalla Corte d’appello di Roma, che conferma quando già detto del tribunale di Roma in primo grado e che porta a un passo dalla chiusura il contenzioso aperto nel 2004 dallo sceneggiatore tv Roberto Quagliano.

aaaagori

Un’offerta era stata declinata da Mediaset

A pronunciarsi è stata la sezione specializzata in materia, presieduta dal giudice Edoardo Cofano, che ha condannato Quagliano al pagamento delle spese processuali. Lo sceneggiature, si legge in una nota degli avvocati di Maria De Filippi, Giorgio Assumma e Andrea Miccichè, sosteneva di “essere stato il creatore” del primo programma e di «aver elaborato in un successivo format del 2001 tale programma, offrendone la realizzazione al direttore delle reti Mediaset Giorgio Gori (nella foto sopra, ndr), il quale aveva però declinato l’offerta”.

Il contenzioso dopo la messa in onda di Amici

Poi aveva iniziato ad andare in onda Amici, di cui De Filippi si dichiarava autrice. Secondo Quagliano, tuttavia, “riproduceva, plagiandoli, gli elementi strutturali della ‘Scuola in diretta’. Basandosi su tali presupposti la sua accusa di plagio”. Ora i giudice per la seconda volta dicono che non è così.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto