Nations League: Portogallo-Italia alle 20,45 su Rai1, le probabili formazioni

Nuovo appuntamento, stasera, per l’Italia di Mancini in Nations League. La diretta su Rai1, con il via alle 20,45. Sarà, quindi, accessibile a tutti.

Roberto Mancini – alla vigilia – respinge le critiche e annuncia novità in vista della seconda partita della Nations League, a Lisbona in casa del Portogallo: “Il nostro obiettivo è fare un ottimo girone e poi arrivare primi in classifica per andare agli Europei. In Nations League non vorremmo arrivare terzi, anche per il problema del sorteggio, l’obiettivo è di cercare di vincere.

Non so chi giocherà domani, la notte porta sempre consiglio e speriamo ne porti di buoni – ha annunciato alla vigilia – due giorni per recuperare sono pochi, c’è il viaggio, siamo all’inizio e i giocatori non sono al massimo della condizione, qualcosa cambieremo. La presenza di Immobile in conferenza stampa un indizio? No. Chiesa (nella foto in basso)? È probabile che sarà titolare, sì. Prima o poi troveremo la formula giusta. Bisognerebbe avere pazienza, ma in Italia non esiste e speriamo di trovarla in fretta”. Dopo il pareggio in casa con la Polonia, occorrerebbe un risultato pèositivo anche a Lisbona, specie se Mancini vuole ottenere – come afferma – il primo posto nel girone.

Le probabili formazioni

Mancini dovrebbe mandare in campo gli azzurri con questa formazione: Donnarumma; Zappacosta, Bonucci, Chiellini, Criscito; Gagliardini, Jorginho, Benassi; Chiesa, Immobile e Bonaventura.

Tra gli illustri esclusi ci sono Balotelli e Insigne. Promossi, invece, Immobile e Chiesa.

Santos ricomincia – dopo il mondiale – con un Portogallo senza Cristiano Ronaldo.

Questa la probabile formazione:

Rui Patricio; Cancelo, Pepe, Neto, Gurreiro; Sanches, Carvalho, Bruno Fernandes; Bernardo Silva, Andrè Silva e Guedes.

 

A Bologna l’Italia non va oltre l’1 a 1 con la Polonia

A Bologna, nella prima giornata di Nations League, l’Italia non va oltre l’1-1 contro la Polonia. Al Dall’Ara prestazione deludente della nuova squadra di Mancini, anche se è appena iniziato il rodaggio con il nuovo Ct.

Eppure segnato due giocatori del Napoli: al 40′ Zielinski con un bel tiro al volo. Nella ripresa un ex napoletano, oggi con Sarri al Chelsea, Jorginho realizza un rigore procurato da Chiesa spiazzando Fabianski (78′). Proprio pochi minuti prima Mancini aveva azzeccato il cambio, quando al 71′ aveva inserito Chiesa per un Insigne che l’allenatore carica troppo di compiti, incluso quello di regista che non è il suo.

Poco prima un Balotelli acciaccato e fuori forma era stato sostituito da Belotti. Ma il gioco d’attacco comunque non ha convinto. Buona invece la prima in nazionale del difensore della Fiorentina Cristiano Biraghi, che aveva sostituito Criscito infortunato.

Per fortuna – dopo 5′ dall’ingresso in campo – l’attaccante della Fiorentina si è procurato un rigore (fallo di Blaszczykowski) che ha portato l’Italia al pareggio. La prossima gara della nazionale lunedì a Lisbona con il Portogallo, sempre su Rai1.

 

Le notizie del 7 settembre

La formazione dell’Italia che stasera scende in campo a Bologna conrtro la Polonia è fatta. E l’ultima novità è in difesa. Mancini, infatti, per un risentimento di Domenico Criscito, ha deciso di mandare in campo dal primo minuto Cristiano Biraghi, difensore della Fiorentina (nella foto in basso).

Per il resto difesa confermata con Bonucci e Chiellini in mezzo e Zappacosta sulla corsia di destra. Biraghi è stato convocato per la prima volta in maglia azzurra e per lui si prospetta un debutto dal primo minuto al Dall’Ara. Criscito dovrebbe tornare per la gara di lunedì contro il Portogallo. In porta ci sarà Donnarumma, mentre a centrocampo Jorginho davanti alla difesa, affiancato da Pellegrini e Gagliardini.

Mancini ha deciso di schierare il 4-3-3. In avanti confermato il tridente composto da Insigne, Balotelli e Bernardeschi.

 

La partita d’esordio dell’Italia nella Nations League, in programma stasera nello stadio Renato Dall’Ara a Bologna, sarà arbitrata dal tedesco Felix Zwayer, assistito dai connazionali Thorsten Schiffner e Marco Achmuller.

Primo addizionale sarà Daniel Siebert e il secondo Sascha Stegemann; quarto uomo sarà Markus Haecker. Diretta alle 20,30 su Rai1.

Più forti dell’Italia, due squadre forti in un girone spietato

Rigenerare la nazionale è il compito di Mancini, che al gruppo chiede un cambio di mentalità: “Siamo rimasti a casa dal mondiale perché non siamo riusciti a segnare alla Svezia. Voglio un’Italia propositiva, anche a costo di rischiare qualcosa. Ripartiremo da quanto di buono fatto nelle amichevoli di maggio e giugno”. Ovvero dal 4-3-3. E probabilmente, da Insigne, Balotelli e Bernardeschi.

Di fronte ci saranno Lewandowski e Zielinski a testare la nuova Italia. E ci sarà sempre Bologna nel destino del ct: “Perani mi portò in rossoblù, Burgnich mi fece esordire qui a 16 anni e domani sarà nuovamente il Dall’Ara a tenere a battesimo un’altra prima volta: la prima ufficiale da tre punti della mia Italia. Fu una bella emozione allora e sarà una bella emozione quella del Dall’Ara”.

Il nuovo Ct continua: “Questa competizione è spietata. Polonia e Portogallo sono sulla carta formazioni più forti di noi. Sappiamo di dover recuperare terreno dopo il recente passato e questa è una buona occasione. Il girone a 3 è spietato, non ammette passi falsi. Ma va bene così perché noi dobbiamo crescere in fretta. Il nostro obiettivo è arrivare primi nel girone in vista dei sorteggi per l’Europeo. Il nostro obiettivo è strappare il pass per l’Europeo”.

Prove di 4-3-3

Interessante in ottica della gara di stasera il lavoro svolto sul campo 1 di Coverciano, dove il ct ha fatto svolgere prove tecnico-tattiche prediligendo il modulo 4-3-3.

Da una parte, con la pettorina gialla, Donnarumma e una difesa formata da Zappacosta e Emerson esterni, al centro Bonucci e Chiellini (quest’ultimo tornato in Nazionale dopo la notte della mancata qualificazione ai Mondiali contro la Svezia e prossimo a indossare la fascia di capitano anche in azzurro) e un centrocampo con Gagliardini, Jorginho e Pellegrini contro il gruppo in maglia blu che ha fatto da sparring partner. Gruppo composto dai Balotelli (parso sereno e di buonumore), Zaza, Insigne e Bernardeschi e schierato con il 4-4-2, appunto come dovrebbe giocare la Polonia al Dall’Ara.

Mancini premiato a Coverciano

Mancini, premiato in serata a Coverciano col “Nereo Rocco”, per quanto riguarda la formazione che scenderà in campo per la prima volta per i 3 punti sotto la sua direzione, sta tenendo sulla corda tutti, molti i ballottaggi come quello tra Belotti, Balotelli e Immobile che riguarda il ruolo di prima punta.

 

Francia-Germania 0-0

Senza reti il big match del Girone A della massima serie della nuova Nations League che si è giocato ieri: Germania e Francia non sono andate oltre lo 0-0 nella sfida dell’Allianz Arena con i due portieri protagonisti. Dopo un primo tempo avaro di emozioni, la contesa si è infiammata nella ripresa. Prima Neuer ha chiuso la porta a Griezmann (nella foto qui sopra) in due occasioni, poi è stato Areola a superarsi con almeno quattro miracoli nel finale salvando i campioni del mondo.

 

 

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto