Manca la doppiatrice: per questo “Masha e Orso” è a rischio

Che succede a “Masha e Orso”? In Russia se lo stanno chiedendo in molti, specie da quando ha iniziato a circolare la voce che gli autori del celebre cartoon si sono presi una pausa di riflesisone e non stanno procedendo con le registrazioni della Terza stagione.

 

La doppiatrice? È ormai troppo grande
Le  ragioni sono due: la prima, ha spiegato il produttore della serie Dmitri Loveyko, è che “dopo la seconda serie, alla quale abbiamo lavorato per due anni e mezzo, abbiamo bisogno di una pausa per pensare nuove vicende, nuovi personaggi”. C’è poi anche un problema “tecnico”: “Siamo alla ricerca della sostituta di Alina, la ragazzina che per sei anni ha prestato la voce alla piccola Masha e che ora si è fatta troppo grande, ha 13 anni”.

 

Un colpo di scena chiuderà la stagione
Il produttore ha poi rassicurato sul ritorno della terza stagione, ma senza riuscire a chiarire quando.
In ogni caso la fine della serie sembra legato al colpo di scena che chiude la seconda stagione e che in Italia nessuno ha ancora avuto la possibilità di vedere (è ancora in programmazione la prima serie).

 

Tutto da riorganizzare
Quello che è certo, ha confermato lo stesso Loveyko al quotidiano russo “Izvestia”, è che ci sarà bisogno di nuove ambientazioni e personaggi per la terza serie.
“Nella prima stagione abbiamo avuto bisogno di più di 8.000 ore di lavorazione; per la seconda di 13-14.000; abbiamo bisogno di migliorare le prestazioni del nostro studio, reclutare nuove persone; i nostri partner, anche esteri, ci chiedono di passare al 4K, a nuove tecnologie e quindi avremo bisogno di altri specialisti, e soprattutto la doppiatrice di Masha, Alina Kukushkina, da 6 anni con noi, quindi fin dall’inizio, adesso compie 13 anni e non riusciamo a trovare una sostituta”, conclude Loveyko.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto