Elisa Longo Borghini quinta nella cronometro femminile

Ottima prestazione di Elisa Longo Borghini nella cronometro femminile. Elisa, che è “figlia d’arte”, perché la mamma è la sciatrice Guidina Dal Sasso, è stata a lungo fra le prime tre. Soltanto nel finale è scivolata a un pur onorevole quinto posto.

La piemontese – che non è una specialista a cronometro, che se è cmapionessa italiana anche in questa specialità – aveva conquistato il bronzo nella prova su strada, piazzandosi in volata alle spalle di Anna Van der Breggen (Olanda) ed Emma Johansson (Svezia).Al traguardo l’azzurra di Verbania, 25 anni a dicembre, non ha trattenuto le lacrime, durante la premiazione (nella foto in basso).

a-borghinic

La domenica da sogno per l’Itali: le notizie precedenti

Una domenica da sogno per l’Italia, che conquista in una sola giornata cinque medaglie olimpiche, le più preziose inattese. La duecentesima medaglia d’oro dell’Italia alle Olimpiadi è arrivata, infatti, grazie a un ragazzo di poco più di vent’anni, Fabio Basile (nelle foto in basso e in apertura), impegnato sul tatami in una finale contro un coreano campione del mondo per la categoria dei 66 chili.

a-basilemangia

Una giornata straordinaria per Basile che è andato avanti in modo implacabile, “falciando” uno dopo l’altro tutti i suoi avversari. Qui il video della conferenza stampa in cui per la prima volta in vita sua parla a tanti giornalisti: “Io sono uno tranquillo” – dice – “Un solitario che ama stare con la sua ragazza Sofia, i genitori e pochi amici. Ora vado nella mia casetta di Taranto a farmi una settimana al mare con Sofia e mia nonna”:

a-carozzo

La medaglia d’oro di Daniele Garozzo

Ma una giornata eccezionale anche nel fioretto: Daniele Garozzo, 24 anni (nella foto qui sopracon la medaglia), fiorettista da Acireale, “stende” il fiorettista Usa Marcialias, numero 1 del ranking mondiale, che aveva eliminato Avola im precedenza. E lo batte facendo correre unaltro brivido ai suoi tifosi. Daniele, intaii, aveva raggiunto il 14-7 nei confronti di Marcialas. La vittoria era a un passo, ma il fiorettista Usa ricominciava a rimontare. Fino al 15-12 finale che dava l’oro a Garozzom che era il 201° per l’Italia Olimpica.

La vittoria di Fabio Basile

Ma Fabio voleva vincere cont tutte le sue forze e infatti dopo un minuto e 24 seocndo ha messo il coreano fuori combattimento. È il primo oro a questi Giochi brasiliani in una giornata ricca di soddisfazioni. Gli avevano promesso le Olimpiadi di Tokio, quelle del 2020, ma lui ha risposto: “No, voglio quelle di Rio”. E aveva ragione lui. Fortissimo e concentrato dall’inizio alla fine.

a-cagnotte

L’argento di Cagnotto e Dallapè

Ma poi arrivano anche tre argenti molto importanti, a partire da Tania Cagnotto e Francesca Dallapé che conquistano la medaglia a Rio 2016 dopo averla persa ai Giochi londinesi del 2012. Piange Tania Cagnotto che ricorda la beffa di Londra e abbraccia la sua compagna di sincro Francesca Dallapé, con cui ha condiviso vittorie (tante) e socnfitte (dolorose).

a-coppiatuffi

Al primo posto le cinesi Shi Tingmao Wu Minxia,  al terzo le australiane Maddison Keeney e Anebelle Smith.

a-aodette

L’argento che non ti aspetti, quello di Odette Giuffrida

Ma in serata arriva anche un altro argento, è quello di Odette Giuffrida nel judo contro la kosovara Majiinda Kelmendi, pochi istanti prima delle vittoria di Fabio Basile. Una medaglia dal judo qualche esperto se l’aspettava, ma due proprio nessuno.

 

 

La disastrosa caduta dell’olandese Van Vleuten

a-caduta

 

Grande paura per una caduta dell’olandese Van Vleuten, rimasta inerte a terra. Ricoverata in terapia intensiva, i medici dicono che ha subito una frattira spinale. Per Annemiek van Vleuten (nella foto) si teme ancora il peggio, qualunque cosa si intenda con questa espressione.

a-giuffridaLe notizie del pomeriggio del 7 agosto

L’Italia, abbastanza a sorpresa, ha due judoka in semifinale. Si tratta di Odette Giuffrida che si è qualificata nella categoria dei 52 chilogrammi contro Andreea Chițu, una rumena che sulla carta le era superiore e di Fabio Basile, che combatte al limite dei 66 chilogrammi e che in semifinale si troverà contro lo sloveno Adrian Gomboc.

a-basile

Appuntamento intorno alle 20,45 per Fabio (nella foto sopra) e per la Giuffrida, che dovrà affrontare la cinese Ma Yingnan. Entrambi vorrebbero una medaglia.

E la medaglia arriva: Odette Giuffrida e Fabio Basile si qualificano per la finale del judo, categoria 52 kg e cat. 66 kg. La romana ha sconfitto in semifinale la cinese Yingnan Ma, il piemontese che è nato nell’ottobre 1994 e ha solo 22 anni, ha battuto lo sloveno Adrian Gomboc e sfiderà per il titolo olimpico il coreano An Baul.

 

Volley: battuti i francesi campioni d’Europa

Battuti i cmapioni d’Europa con un 25-15 nel terzo set, dopo due 25-20 nel primo e nel seocndo. La Francia non riesce mai a impadronirsi del gioco. La squadra di Blengini non glielo consente mai, dal primo all’ultimo minuto.

Un buon inizio, anche se il girone degli italiani è ancora lungo e difficile, perché – Francia a parte – ci sono Brasile, Usa, Messico e Canada. Ma – come dire? – chi ben inizia… Gli azzurri tornano in campo fra due giorni, mercoledì 9 agosto.

Il primo set inizia benissimo

Bellissimo primo set di Italia-Francia, la partita di volley uomini che apre il torneo degli azzurri al Maracanazinho, lo stadio dove la nazionale dei Lucchetta e degli altri campioni di una volta vinse una medaglia d’oro mondiale nel 1994.

E l’inizio del primo set contro i campioni d’Europa è stranissimo e incoraggiante. I francesi, infatti, sembrano ancora in albergo e subiscono un parziale prima di 9-0 e poi di 11 a 1. Ma è solo un momentaccio per loro. Infatti, punto dopo punto, cominciano a risalire fino al 15 pari. Grande attacco e grande difesa l?Italia, però, mostra anche saldezza di nervi e chiude il primo set con un 25-20 che dà agli azzurri l’1-0, grazie anche a un prezioso punto recuperato nel finale per pochi millimetri grazie all’occhio elettronico. Il pallone di Giannelli era già stato dato fuori da uno degli arbitri.

a-acinque

Il secondo set

E si va al secondo set. Iniziano subito bene gli azzurri Zaytsev e Giannelli, sia alla battuta che al muro. Bene anche Emanuele Birarelli (nella foto sotto) a smistare il gioco. Bravo in attacco anche Pippo Lanza e si arriva presto sul 15-9 per l’Italia. Continuano a riuscire i muri degli azzurri e i ragazzi di Blengini si portano sul 19-12. Juantorena dà 6 punti all’Italia, l’ultimo con una pipe. Di Zaytsev il punto successivo e gli azzurri vanno sul 22-15. Zaytsev finora ha messo a segno 13 punti, ma cadendo si fa male a una caviglia. Un attimo in panchina poi riprende come se nulla fosse. Si arriva così al 23-16. Oggi gli azzurri sono di un altro pianeta. Ma sbaliano 3 set ball su 7 sul 24-16. Blengini chiama un opportunissimo time out, sul 24-19.

Il set finisce sul 25-20, esattamente come il primo. L’Italia è avanti 2-0.

a-birarelli

Il terzo set inizia bene

Anche il terzo set sembra parlare italiano. Perfetto alla battuta il diciannovenne Simone Giannelli, che gioca come un veterano. Gli azzurri si portano presto sul 15-9. Il momento è decisivo. Anche Matteo Piano fa la sua parte: 18-10 per l’Italia.

Tocca alla squadra di Blengini

Dopo l’esordio notturno del volley femminile (con una secca sconfitta in tre set contro la Serbia), tocca alla nazionale maschile di Blengini (nella foto sotto) cercare di farsi onore.

Tutti gli eventi delle Olimpiadi – ricordiamolo – sono trasmessi quasi sempre in diretta su Rai2, RaiSport1 e RaiSport 2, ospitati in hd anche sulla piattaforma Sky dal canale 226 al 228.

a-blengini

Subito Italia-Francia di volley

La domenica da Rio inizia alle 14,30 con Italia-Francia, un match subito impegnativo. Si gioca al Maracanazinho e il programma inizia con una grande sfida di giornata.
L’Italia punta a confermare (e possibilemente migliorare) il bronzo olimpico di Londra. Naturalmente spera in quell’oro che è l’unica assenza nella ricchissima bacheca azzurra. La Francia – d’altra parte – è campione d’Europa in carica e sempre temibile, ancora di più contro gli azzurri.

a-arcodonne

Tiro con l’arco: azzurre ai quarti

Nella gara a squadra di tiro con l’arco femminile le azzurre Lucilla Boari, Guendalina Sartori e Claudia Mandia hanno battuto 6-0 il Brasile e nei quarti di finale affronteranno la Cina.

 

a-borghini

Alle 17,15 ciclismo femminile

Dopo la valorosa ma sfortunata prova di Vincenzo Nibali e degli altri azzurre, oggi la prova su strada riguarda le donne, che partono alle 17,15. La superfavorita è la rappresentante dei Paesi Bassi, Marianne Vos, campionessa olimpica uscente e vincitric e di 12 titoli mondiali, definita – con qualche motivo – “la Merckx in gonnella”:

a-cecchini

Per l’Italia Elisa Longo Borghini (nella foto), Giorgia Bronzini, Tatiana Guderzo e Elena Cecchini (una delle più in forma, nella foto qui sopra)  tra le aspiranti al podio. Poi, come si è visto ieri, in corsa tutto è possibile.

 

Alle 20,30 Errani-Vinci esordio in doppio come potete leggere cliccando il link.

a-coppiatuffi

Alle 21 i tuffi donne sincro da 3 metri

Tania Cagnotto e Francesca Dallapé cominciano la loro Olimpiade nei tuffi sincronizzati da tre metri. Tania, alla vigilia, ha detto di essere in pace con se stessa alla vigilia di quelli che saranno i suoi ultimi Giochi. La coppia è forte, se eviterà di distrarsi è vicina alle medaglie.

a-jessica

Alle 20 Jessica Rossi in finale si gioca una medaglia

Alle 21 – se supera, come tutti sperano, le qualificazioni – troveremo Jessica Rossi, campionessa ai Giochi a Londra (nella foto), impegnata nella finale della Fossa olimpica femminile. C’era un solo posto per questa gara e la Federazione l’ha preferita a Silvana Stanco, che sulla carta aveva conquistato il diritto a gareggiare a Rio. Come si uò immaginare, non sono mancate le polemiche, che Jessica potrà zittire solo dimostrando di essere tornata in forma come a Londra.

Comunque Jessica è nella finale a 6 nel trap. La campionessa in carica ha chiuso le tre serie di qualificazione al secondo posto colpendo 69 piattelli come la spagnola Fatima Galvez.

Ha fatto meglio solo l’australiana Laetisha Scanlan con 70 piattelli colpiti. Alle 20 si disputa la finale con sei tiratrici in gara: oltre a Rossi e Scanlan, ci saranno anche la neozelandese Natalie Rooney e l’americana Corey Codgell (68 in qualificazione) e all’australiana Catherine Skinner (67).

Si riparte da zero, a eliminazione diretta

Le tiratrici ripartiranno da zero, ad eliminazione diretta, fino al medal match per l’oro e l’argento.

a-daniele

Alle 22,15 le finali del fioretto uomini

Alle 22,15 il torneo di fioretto maschile individuale arriva alle fesi decisive, ma dalle 15 sono già impegnati nei sediciesimi di finale Andrea Cassarà (nella foto), Giorgio Avola e Daniele Garozzo (nella foto qui sopra). Ma Cassarà viene eliminato per strada. Ai quarti arriva Giorgio Avola, che ha battuto il tedesco Peter Joppich per 15-13 e vola ai quarti di finale.
a-fiorettom

Andrea Cassarà finisce, invece, ko mentre Daniele Garozzo, con grande fatica, elimina l’egiziano Alaaeldin Abouelkassem per 15-13. Ma l’egiziamo quattro anni fa a Londra era stato medaglia d’argento. Garozzo ai quarti ha un avversario temibile, amche per ragioni ambientali. Dovrà vedersela, infatti, con il brasiliano Guillermo Toldo che sta esaltando tutto il pubblico dell’Arena Carioca.

L’unico semifinalista è Garozzo

Ma Daniele Garozzo, che ha preparato le Olimpiadi a Frascati insieme al giovane avversario brasiliano, vince 15 a 8 e approda alla semifinale.

Punito, invece, abbastanza ingiustamente Giorgio Avola contro un avversario fortisso contro Massialas (Usa) numero uno dle ranking mondiale. L’italiano era in vantaggio per ben 4 stoccate (14-10) ma si è fatto rimontare e battere per 15 a 14.

L’azzurro di Acireale, alla sua prima Olimpiade, è in semifinale, dove alle 21 affronterà il russo Timur Safin.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto