Eterologa: “A 2 anni dalla sentenza quasi nessuna donatrice di ovuli”

“Da nord a sud, nel pubblico come nel privato, non saranno più di dieci in Italia le donne che hanno donato i propri ovuli. Ne servirebbero 5-600 l’anno di donazioni per soddisfare la richiesta di trattamenti di fecondazione eterologa richiesti nel nostro Paese”. Lo spiega all’Ansa Andrea Borini, presidente della Società italiana di fertilità e sterilità (Sife), che punta il dito: “A oltre 2 anni dalla sentenza che cancellava il divieto di eterologa, nonostante le promesse fatte dal ministero della Salute, manca una campagna informativa per sensibilizzazione alla donazione di gameti. Nulla è stato fatto”.

I gameti arrivano dall’estero

“Poco più di un centinaio invece coloro che hanno donato attraverso l’egg saring”, ovvero donne in trattamento per una fecondazione assistita che cedono una parte dei propri ovociti. Un numero comunque “marginale rispetto alla richiesta”. Il risultato è che ci si continua a rifornire da banche estere dei gameti. “In Paesi come la Spagna”, sottolinea ancora Borini, “le donatrici sono diverse migliaia, anche perché è prevista per legge una compensazione di circa 1.000 euro per la stimolazione ovarica a cui si sottopongono per un paio di settimane”.

aaaeterologa03

“Mancanza di informazioni e percorsi a ostacoli”

La conseguenza è chi volesse avere informazioni per donare i propri gameti “si trova davanti un percorso a ostacoli, tra lunghe attese con i centralini telefonici degli ospedali, mancanza di informazioni affidabili sul web e ginecologi che non sanno dove indirizzare”, spiega Laura Volpini, presidente dell’Associazione per la donazione altruistica e gratuita (Aidagg). Lo stesso ospedale Careggi, dove un anno fa ha visto la luce il primo bimbo nato da fecondazione eterologa fatta in Italia e uno dei pochi con un numero verde dedicato alla ovodonazione, “ha avuto solo tre donne che si sono offerte per donare e solo una ha superato gli screening”, spiega Elisabetta Coccia, direttrice del Centro Pma dell’Azienda ospedaliera universitaria di Firenze.

Authors

Pubblicità

Commenti

Alto