Cagliari: ragazzina muore sulla “barca dei giochi”, denunciato il comandante

Una bambina di 11 anni, Letizia Trudu, è morta ieri nelle acque antistanti Santa Margherita di Pula (Cagliari), sulla costa sudoccidentale della Sardegna, colpita dalle eliche di un’imbarcazione. La bambina si era appena tuffata dalla barca, che si è allontanata subito dopo il fatto.

Imbarcazione sotto sequestro

L’imbarcazione è stata rintracciata ed è ora sotto sequestro nel porticciolo di Marina Piccola, a Cagliari. Il comandante era un ex campione di windsurf, Maurizio Loi, di 59 anni, che è stato denunciato per omicidio colposo, ma è a piede libero, anche perché – assieme al padre della bambina – si è lanciata subito in acqua per trasportarla in spiaggia.

 

Una famiglia sarda

La bimba e i genitori sono sardi, residenti ad Assemini (Cagliari). L’incidente è avvenuto intorno alle 17,30 del pomeriggio di ieri. Il 118, chiamato subito dopo il fatto, ha tentato invano di salvare la bambina, ma le ferite inferte dall’elica avevano ormai compromesso gli organi vitali.

 

Una barca “per i giochi” dei più piccoli…

La barca era solita fermarsi in zona per poi prendere a bordo bambini e adulti, raggiungere il largo e fare divertire i più piccoli con i tuffi dal trampolino. Ieri pomeriggio qualcosa, però, è andato storto: l’imbarcazione ha prima preso velocità, poi avrebbe fatto un giro su stessa, incrociando i bagnanti, soprattutto bimbi, che nel frattempo si erano tuffati.

Quasi tutti si sono messi in salvo, ma l’undicenne è stata presa in pieno dall’elica e attorno a lei si è subito formata una chiazza mortale di sangue.

 

 

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto