Choc a Ferrara: partorisce in casa e nasconde il neonato nel freezer

Choc a Migliarino, in provincia di Ferrara, dove una donna di 40 anni ha partorito in casa e ha nascosto nel freezer il corpo del neonato, nato dopo 6 mesi di gestazione. Poi Mirka Rolfini, così si chiama, si è presentata al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Anna di Cona dicendo di essere caduta 4 giorni prima. Ma i medici hanno capito che cos’era successo e l’hanno denunciata. Ricoverata in gravi condizioni, la donna è sposata e ha altri 6 figli, alcuni affidati alla nonna materna.

Il marito ha detto di non sapere nulla

Il marito, Stefano Gessi, sentito dal pm di Ferrara Isabella Cavallari che sta indagando sulla vicenda, ha detto non aver saputo della gravidanza della moglie, che all’inizio era scivolata nel coma da cui si è risvegliata ieri, giovedì 8 giugno, dicendo dov’era il piccolo cadavere. All’autopsia il compito di stabilire se il bambino era vivo alla nascita. In base ai primi accertamenti, la famiglia vivrebbe in condizioni di degrado, ma su questo le versioni non sono concordi.

Cordone ombelicale tagliato

Quando la donna si è presentata in ospedale era in stato di profonda debilitazione. I medici si sono accorti che nell’addome c’era ancora la placenta e che il cordone ombelicale era stato tagliato, non strappato. Al momento, comunque, manca ancora una versione coerente di quanto successo in provincia di Ferrara.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto