Rogo nel camper, morte 3 sorelle: vendetta tra nomadi?

Tre sorelle di 20, 8 e 4 anni sono morte nell’incendio di un camper a Roma parcheggiato in un centro commerciale. La tragedia alle 3 della notte scorsa in viale della Primavera, in zona Centocelle. Dopo le prime indagini, la procura di Roma ha aperto un fascicolo in cui si procede per i reati di omicidio volontario e di incendio doloso. Nei pressi della carcassa del camper sono state rinvenute tracce di liquido infiammabile. L’ipotesi che prende coropo è quella di una tragica vendetta fra due famiglie di nomadi. Una telecamera avrebbe anche filmato un uomo che lanciava una bottiglia incendiaria.

Ci vivevano 13 persone

Sul posto sono intervenuti vigili del fuoco e polizia. Genitori e fratelli sono riusciti invece a mettersi in salvo. All’interno del mezzo vivevano in tutto 13 persone appartenenti a una famiglia di etnia rom composta dai genitori e undici figli. Le fiamme hanno avvolto completamente il veicolo. Ancora da accertare le cause del rogo.

Virginia Raggi sul posto

La sindaca di Roma, Virginia Raggi, si è recata sul luogo del rogo, dove la tensione è alle stelle. Insieme a lei anche il presidente del V Municipio, Gianni Boccuzzi, e il comandante della polizia locale, Diego Porta. “Esprimiamo cordoglio – ha detto Raggi – perché quando ci sono delle vittime si rimane in silenzio. La procura indagherà sulle cause – ha aggiunto – vi daremo aggiornamenti quando ne avremo”.

I fiori di un cittadino

Un cittadino ha lasciato un mazzo di fiori, tre rose rosse, accanto alla carcassa del camper con accanto un biglietto: “Mi unisco al dolore della famiglia”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto