Sanremo 2016 Auditel: 12.516.000 spettatori col 49,15% di share

Partenza sottotono per il 66° Festival di Sanremo. Ogni cosa al suo posto, diremmo in ordine, ma il succedersi dei big non dà emozioni. Atteso per stamattina il primo vedrdetto Auditel di questa edizione. L’anno scorso con 11.767.000 spettatori pari al 49.63% in media, la prima serata fece il botto, ma c’era stata l’esibizione di Al Bano e Romina Power. La prima parte ottenne 13.210.000 spettatori (49%) mentre la seconda raccolse 6.488.000 spettatori. Fu la prima più vista degli ultimi dieci anni.

Quest’anno Conti riesce quasi a imitare se stesso. Nel complesso la serata è stata vista da 11.134.000 spettatori pari al 49.5% di share. Insomma quasi un pareggio con la prima serata del 2015.

Quest’anno Conti ha conquistato 12.516.000 spettatori pari al 49.15% di share, nella prima parte in onda fino alle 23,56, e 5.907.000 spettatori pari al 52.31%, nella seconda parte in onda da mezzanotte per i primi 45 minuti. Poi è iniziato il dopo-festival.

Stasera in gara Patty Pravo e Elio e le Storie Tese tra i 10 big.

 

Il tweet di Giancarlo Leone

“Anche quest’anno Sanremo alle stelle”, twitta soddisfatto il direttore di Rai1 Giancarlo Leone, che dall’anno prossimo non sarà più il responsabile del Festival di Sanremo.

 

Il 66° Festival iniziato sottotono

Anche la prima super-ospite Laura Pausini non riesce a superare la barriera dell’emozione. Ma Laura è stata la prima nel corso della serata a sostenere i diritti dei gay.

aaapausini

“Essere simili vuol dire essere uguali e differenti, rispettare le persone e le storie che incontriamo anche se sono diverse da noi. Voglio che le persone simili possano proteggersi tra di loro e non dividersi mai”: ha detto la Pausini prende spunto dal titolo del suo ultimo album, e del brano che canta all’Ariston, per lanciare il suo messaggio contro le differenze, nel pieno del dibattito sulle unioni civili e sui diritti delle coppie gay.

“Se siamo simili – incita al termine della sua esibizione – siamo tutti uguali e dobbiamo proteggerci, non dividerci”.

aaaaeros

Stasera torna Eros Ramazzotti

Era il 1984 quando l’allora giovane Eros, poco più che ventenne, vinceva tra le Nuove Proposte del festival con Terra Promessa. L’anno successivo si ripresenta a Sanremo, stavolta tra i “big”, con Una storia importante. Si classifica soltanto sesto, ma il singolo vende oltre un milione di copie in Francia. La vittoria l’agguanta nel 1986 con Adesso tu, una delle canzoni diventate più famose (la foto che vedete è proprio dell’edizione del 1986). Tre decenni dopo, Ramazzotti torna al festival di Sanremo: da superospite.

Quel ragazzo dall’aria scontrosa, timido, con i ricci ribelli a incorniciargli il broncio che cantava i sogni e le aspirazioni dei giovani nati negli anni Sessanta, ha lasciato il posto a un uomo più maturo, che ha collezionato da allora successi non solo in Italia ma anche all’estero, dove è tra le star italiane più amate insieme a Laura Pausini. E l’ultima volta che è stato all’Ariston è stato proprio in duetto con la popstar romagnola, nel 2006, sulle note di Nel Blu Dipinto di Blu, nella versione originale presentata 50 anni prima da Domenico Modugno. Ma da allora sono passati altri dieci anni.

Caso vuole che, in questa edizione, anche la Pausini sia stata invitata da Carlo Conti. Oggi, padre realizzato con famiglia allargata e con la figlia Aurora già lanciata in tv, torna e canterà Rosa nata ieri, canzone tratta dal suo ultimo album Perfetto, storia di un padre che si rivolge alla figlia ormai diventata donna.

aaaraffaele

Brava Virginia Raffaele, la Ferilli l’ha presa bene e risponde su Fb

Modesta anche la prova di Aldo, Giovanni e Giacomo, per la prima volta a Sanremo in 25 anni di carriera. Non certo con la loro migliore esibizione.

Soltanto l’imitatrice Virginia Raffaele, nelle vesti inattese di Sabrina Ferilli, riesce a dare brio alla sua presenza, abbraccia Carlo Conti sul palco (vedi foto qui sotto), gli fa temere chissà quale uscita politicamnete “pericolosa”, ma si ferma sempre al di qua del confine fissato dalla direzione dei Rai1.

Sabrina Ferilli ha gradito l’imitazione: “Credevo di essere a casa – ha detto l’attrice romana – e invece ho accesso la tv ed ho scoperto di essere a Sanremo. Virginia Raffaele è la numero uno! Intelligente, acuta, bella. Taccisua!”. Sabrina ha commentato con ironia la performance della Raffaele,che stasera si presenerà sotto una nuova veste, che Conti non ha voluto svelare.

Ecco il video della Raffaele-Ferilli. E sotto la risposta della Ferilli in un montaggio sulla sua pagina Facebook.

aaaferilli

Il riferimento ai figli della rockstar inglese

Poi arriva Elton John e la sua voce dà la scossa alla serata. Un solo riferimento, nella prima parte del suo intervento, ai suoi figli, che non sperava di avere. Ma sono in pochi a poterne cogliere il contenuto “provocatorio”. “Non pensavo che il mio viaggio sarebbe durato così tanto, non avrei mai pensato di diventare papà, di avere la vita che ho avuto, è stato tutto molto positivo”. Elton John emoziona l’Ariston cantando Your Song e poi parla con Carlo Conti della sua vita e dell’emozione dei due figli – avuti da una madre surrogata – con il marito David Furnish.

La bellissima voce e l’intensità del cantautore inglese ricompensano della lunga attesa. Elton John è stato costretto, infatti, a esibirsi dopo le 23,15, quando i suoi contestatori forse dormivano. Comunque nessuno dei temuti incidenti “Politici” sulle Unione civili si è verificato. La rockstar inglese si è attenuta strettamente alla scaletta musicale concordata mesi fa.

aaaaaelton

Noemi e Arisa sul palco col nastro arcobaleno

Ma già prima di Elton John non erano mancate le testimonianze a favore dei gay e dei diversi. Noemi aveva – come mostra la foto – un microfono “arcobaleno”.

aaaaanoemi

L’asta del suo microfono era decorata con tanti nastrini colorati lunghi quasi fino a terra. Un arcobaleno simbolo dell’orgoglio gay, nei giorni in cui in Parlamento si decide sulle Unioni civili.

aaaarisa

Anche Arisa – come mostra la foto qui sopra – è arrivata sul palco per la sua esibizione al festival di Sanremo con in mano i nastri colorati che avevano decorato l’asta del microfono di Noemi. Entrambe le artiste si sono così schierate a favore dei diritti dei gay.

Stasera si sono esibiti i primi dieci big, domani gli altri dieci e gli otto delle Nuove proposte. Stasera sarà data una prima classifica con i 6 che sono avanti e i 4 big a rischio eliminazione.

 

La vigilia del grande rito televisivo

Tutto pronto (o quasi) a Sanremo per l’edizione 2016 del 66° Festival della canzone italiana, che per la seconda volta consecutiva sarà condotto da Carlo Conti, accompagnato da Gabriel Garko, reduce da una grande vicissitudine, Virginia Raffaele e Madalina Ghenea. Il grande rito televisivo inizia stasera alle 21 su Rai1 per concludersi – sabato – con la proclamazione della canzone vincitrice.

Elton John un ospite temuto dai no gender

Ma il primo super-ospite – Elton John – arriva in un momento che provoca contestazioni da parte dei “No gender” e degli organizzatori del Family Day di pochi giorni fa.

Sir Elton arriverà a Sanremo solo oggi, forse accompagnato dal marito David Furnish. Canterà il nuovo singolo ‘Blue Wonderful’ e due sue hit, ma l’attesa è concentrata su quello che dirà: da sempre in prima fila per i diritti delle coppie omosessuali e padre di due figli con Furnish avuti da una madre surrogata, nei venti minuti di intervento sul palco la pop star potrebbe toccare anche i temi al centro del dibattito politico di questi giorni, con il ddl sulle unioni civili atteso alla prova del voto in Senato e lo scontro nella maggioranza sulla stepchild adoption.

 

Conti: “L’abbiamo invitato mesi fa e solo come cantante”

“Noi l’abbiamo invitato come cantante”, ha minimizzato Carlo Conti intervistato oggi dall’Arena di Giletti. E poi, in serata, ha ribadito: “È un ospite canoro, l’abbiamo invitato a settembre”, prima che scoppiassero le polemiche, sollevate nei giorni scorsi in particolare da Maurizio Gasparri.

Elton John sarà uno degli ospiti internazionali del prossimo Festival di Sanremo, dove si esibirà con il suo nuovo singolo Blue Wonderful, che si potrà ascoltate in radio dal 29 gennaio. Il suo 32° album di studio, “Wonderful crazy night”, esce in tutto il mondo il 5 febbraio.

aaaeltonmarito

Confermata la presenza del marito

Ma più che la musica, a tenere banco su Elton John è la polemica legata alla sua presenza in presunta funzione pro unioni civili e adozioni ai gay. Il musicista, a Sanremo, arriverà con il marito, David Furnish (nella foto qui sopra), come ha annunciato domanica Massimo Giletti su RaiUno mettendo così fine a voci contrastanti che si rincorrevano da giorni.

La coppia ha 2 figli, nati da madre surrogata

“Sarò presente solo per suonare”, ha già detto Elton John. Ma rimane inascoltato, considerando che “Il giornale” parla di “spot pro coppie gay”. Dello stesso tenore la posizione di Massimo Gandolfini, presidente e organizzatore del Family day. Questo in considerazione del fatto che la popstar è legata da più di 20 anni a Furnish, sposato poi nel 2014, e che i 2 hanno 2 figli, avuti con la maternità surrogata: Zachary Jackson Levon, nato a dicembre 2010, e Elijah Joseph Daniel, nato nel 2013.

 

aaasanremotutti

I “big” in gara stasera

Tornando al Festival inteso come gara canora, questi sono i voti di una giuria dell’Agenzia Ansa che ha ascoltato le canzoni alla vigilia. E questi sono i cantanti e le canzoni in gara fin da stasera:

  • Deborah Iurato e Giovanni Caccamo con la canzone ‘Via da qui’
  • Noemi ‘La borsa di una donna’
  • Alessio Bernabei ‘Noi siamo infinito’
  • Enrico Ruggeri ‘Il primo amore non si scorda mai’
  • Arisa ‘Guardando il cielo’
  • Rocco Hunt ‘Wake up’
  • Dear Jack ‘Mezzo respiro’
  • Stadio ‘Un giorno mi dirai’
  • Lorenzo Fragola ‘Infinite volte’
  • Annalisa ‘Il diluvio universale’
  • Irene Fornaciari ‘Blu’
  • Neffa ‘Sogni e nostalgia’
  • Zero Assoluto ‘Di me e di te’
  • Dolcenera ‘Ora o mai più’
  • Clementino ‘Quando sono lontano’
  • Patty Pravo ‘Cieli immensi’
  • Valerio Scanu ‘Finalmente piove’
  • Morgan e Bluvertigo ‘Semplicemente’
  • Francesca Michielin ‘Nessun grado di separazione’
  • Elio e le Storie Tese ‘Vincere l’odio’

aaaainfograf

Gli ascolti temuti e attesi

Il Festival costa 16 milioni di euro, più o meno come quello dlel’anno scorso. È previsto un “attivo” di 4 milioni.

L’unica variante ci sarà  il venerdì, dedicato alle cover, quando verranno comunicate le ultime 5 canzoni in gara. Una, col televoto, sarà ripescata per la finale di sabato.

Sugli ascolti, il direttore di Rai1 Giancarlo Leone non si sbilancia: “Negli ultimi dieci anni lo share ha oscillato tra il 35% e il 48%: auguro al festival 2016 di collocarsi a
meta’ strada, intorno al 42-43%. Sarebbe un grande risultato”.

 

In tv solo Juventus-Napoli, ma è in pay

Da notare che in pratica da anni è inesistente la “contro-programmazione” a Sanremo. Quest’anno solo il sabato c’è una partita di calcio di richiamo come Juventus-Napoli, ma è solo in pay tv, quindi la concorrenza è limitata e poi il sbato è il giorno dlela finalissima e ormai i giochi televisivi (e non solo) sono fatti,

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto