Bufera su Porta a Porta per i Casamonica, stasera da Vespa puntata di “riparazione”

Tempesta su Bruno Vespa e sulla Rai dopo la partecipazione dei Casamonica alla trasmissione Porta a Porta di ieri sera.

Il vicesindaco della Capitale chiede: “La Rai chieda scusa”. Ad insorgere sono soprattutto il Pd e il Movimento 5 Stelle. Protestano Matteo Orfini che parla di “grave errore” e il Movimento 5 Stelle: sul suo blog, Beppe Grillo parla di “servizio pubblico paramafioso”.

Ieri sera, durante la trasmissione condotta da Bruno Vespa, la figlia di Vittorio Casamonica, Vera, ha paragonato il padre a papa Francesco. “Lo chiamavamo papa perché era troppo buono, come papa Francesco”, ha detto alle domande del conduttore sul perché la famiglia Casamonica lo paragonasse al Pontefice.

 

aaaacasamonica

Veronica: “Non era vestito come il Papa”

E sulla foto affissa sul muro della basilica Don Bosco in cui il padre veniva raffigurato vestito di bianco con una croce al collo, Vera Casamonica s(nella foto col fratello) si difende. “Non era vestito come il Papa – dice -, aveva i pantaloni blu anche se non si vedono. Forse siete voi ad aver interpretato male quell’immagine”.

 

Questa sera Vespa “ripara” con l’assessore alla legalità Sabella

Questa sera l’apertura della trasmissione di Bruno Vespa sarà con un dialogo tra il conduttore e Alfonso Sabella, assessore alla legalità del comune di Roma.

“Mi auguro che qualcuno alla Rai abbia il buongusto di chiedere scusa alla città di Roma, ai romani e a tutti i cittadini”: afferma il vicesindaco della Capitale, Marco Causi, commentndo la partecipazione di ieri sera a Porta a Porta dei familiari di Vittorio Casamonica.

 

aaaagrillo

La critica del blog di Grillo

Duro attacco del blog di Beppe Grillo alla Rai e a “Porta a Porta” che ieri ha ospitato i familiari di Vittorio Casamonica, i cui funerali-show hanno scatenato polemiche.

Rai, servizio pubblico paramafioso“, il titolo del post. “La famiglia Casamonica ospitata dalla Rai nel salotto buono di Bruno Vespa per esibirsi davanti a 1.340.000 di italiani (14,54% di share) nell’apologia di Vittorio Casamonica, il boss il cui funerale ha indignato Roma, è un oltraggio a tutti gli italiani onesti”, il commento.

 

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto