Papa: matrimoni annullati senza pagare e procedura rapida

L’annullamento delle nozze? Lo decideranno i vescovi, e sarà gratuito. È scritto nella riforma del processo canonico di nullità del matrimonio, che vede tra le maggiori novità proprio la gratuità e la brevità dell’iter. “La gratuità delle procedure”, secondo il Pontefice, dovrà infatti essere assicurata “per quanto possibile”. Inoltre per i casi in cui la non validità del matrimonio sia “sostenuta da argomenti evidenti”, il Papa ha introdotto un nuovo iter processuale più breve. Una rivoluzione per i cattolici divorziati, oggi, non possono “permettersi” l’annullamento del matrimonio, e si sentono maltrattati dalla Chiesa, pur ritenendo di avere tutte le ragioni per ottenere l’annullamento delle loro nozze.

 

Il vescovo sarà giudice

Sarà inoltre il vescovo a decidere della nullità del vincolo. La riforma prevede una sola sentenza in favore della nullità esecutiva (non ci sarà più la seconda sentenza in assenza di appello), lo stesso vescovo è giudice, processi più brevi, l’appello alla sede Metropolitana (sede vescovile più “importante” della zona), compiti più delimitati delle Conferenze Episcopali, possibilità dell’appello alla Sacra Rota, quindi la Sede Apostolica.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto