A Marciana Borgo d’Arte le bellissime foto di Fausto Podavini sulla demenza senile

Nell’epoca dei selfie, della foto “al volo” e del dominio della tecnologia digitale, incontrare un fotografo come Fausto Podavini ristabilisce i confini tra tecnica e arte e segna, in maniera netta, la sostanza del fotogiornalismo e le sue potenzialità.
Nell’ambito del progetto MARCIANA BORGO D’ARTE (si è inaugurata sabato 8 luglio – e resterà aperta ai visitatori fino al 28 luglio – una mostra fotografica tra le più significative degli ultimi anni.

Podavini più volte premiato col World Press Photo Award

Podavini, professionista tra i più apprezzati, più volte premiato con il prestigioso World Press Photo Award, espone un progetto fotografico intitolato “MiRelLA” , che ripercorre, con la potenza di scatti realizzati in un bianco e nero di grande forza espressiva, un percorso dedicato al tema della demenza senile.

 

Il tema difficile della demenza senile

Tema forte, difficile, che Podavini affronta con delicata e inesorabile partecipazione, restituendo a chi guarda una storia di affetti e di legami che la malattia non non ferma ma potenzia. La vita quotidiana di una ormai anziana coppia viene raccontata con sensibilità e colta nei momenti – teneri e intensi – di una continuità affettiva che viene testimoniata da gesti, sguardi, dettagli.

 

Fotografa le persone non la malattia

Podavini non fotografa la malattia. Il suo è un occhio attento alle persone, alle sensibilità, ai sentimenti, anche quelli inespressi. E i visitatori se ne sentono partecipi, mai indifferenti.
Questa mostra è una vera perla, una rara occasione di incontro con la forza espressiva della fotografia, affermata e dichiarata dalla mano e dal punto di vista di un autore che un uso narrativo sapiente delle opportunità offerte dalla fotocamera.
Salire fino al borgo medievale di Marciana – che offre, peraltro, numerose opportunità di visita a mostre e monumenti – vale davvero la pena.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto