L’Oms: mani ben lavate salvano la vita, le regole per averle a prova di batteri

È la prima regola igienica che viene insegnata ai bambini ed è anche un preciso obbligo da rispettare per i medici. Tuttavia il modo corretto per lavarsi le mani è noto a pochi, tanto da costringere l’Oms e i centri per il controllo della malattie americano ed europeo a realizzare campagne ad hoc proposte in occasione della giornata mondiale dell’igiene delle mani.

Qui si addensano gli agenti patogeni

Spesso si dedica al lavaggio delle mani pochi secondi nella convinzione che ciò sia sufficiente ad averle pulite. Ma non è così. Le mani sono, infatti, un ricettacolo di germi: circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni, che risiedono normalmente sulla cute senza creare danni. A questi, però, possono aggiungersi virus e batteri che circolano nell’aria o con cui veniamo in contatto in diverse occasioni. Una corretta igiene delle mani è fondamentale per gli operatori sanitari perché riduce la diffusione delle infezioni ospedaliere.

Attenzione al sapone

Tra le indicazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e dal Centro per il controllo delle malattie di Atlanta, la prima riguarda il sapone, preferendolo liquido e da usare con acqua corrente preferibilmente calda. Il sapone va applicato su entrambi i palmi delle mani e poi strofiniamo bene per almeno 40-60 secondi il dorso, tra le dita e nello spazio al di sotto delle unghie perché qui i germi si annidano più facilmente.

Come asciugarsi bene

Dopo un risciacquo abbondante, è preferibile asciugare le mani con carta usa e getta o con un dispositivo ad aria calda oppure con un asciugamano pulito, strettamente personale. Ricordiamoci di non toccare rubinetti o maniglie con le mani appena lavate: se dobbiamo farlo usiamo una salviettina di carta che poi getteremo nella spazzatura.

Contro le irritazioni

Infine, contro eventuali irritazioni dovuti a detergenti troppo aggressivi o a lavaggi troppo prolungati, applichiamo eventualmente una crema o una lozione idratante.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto