Tim Roth: “Quel fottuto di mio nonno ha stuprato me e prima abusò di mio padre”

Clamorosa rivelazione dell’attore Tim Roth, il protagonista di film famosi come Le Iene e Pulp fiction e di una seguitissima serie tv, Lie to me.

“Mio padre ha subito violenza. E anche io, ma non sono stato abusato da lui. Sono stato violentato dal suo aggressore: suo padre. Era un fottuto stupratore. Ma nessuno parlava. Nessuno sapeva cosa fare. Ecco perché ho fatto Zona di guerra”.

Tim Roth, attore e regista inglese, ha spiegato al quotidiano The Guardian qual è stata la ragione che lo ha incoraggiato a dirigere il film con cui, nel 1999, ha debuttato alla regia.

a-timnormaleNe aveva già parlato, ma senza fare nomi

Roth aveva già parlato dello stupro di cui era stato vittima, ma non aveva mai detto chi fosse il responsabile. Ora, invece, ha spiegato che il padre, il giornalista Ernie Smith, aveva lasciato il partito comunista inglese nel 1970 in parte per il disgusto per i suoi scandali sessuali, che l’avevano lasciato sgomento. “Era un ragazzo abusato, mio ​​padre. Ha passato una terribile infanzia e ha preso sul serio quella merda”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto