Bacche di goji tibetano con troppi pesticidi, il ministero: “Non consumatele”

Pesticidi oltre i limiti di legge. Non sono dunque da consumare le bacche essiccate di goji tibetano prodotte dalla Agricola Lusia di Lusia (Rovigo). Lo ha disposto il ministero della Salute con il richiamo delle confezioni da 24 per 250 grammi.

Le sostanze rinvenute

Il lotto di produzione è lo 03-03 con scadenza al 31 gennaio 2019. Più nel dettaglio, i pesticidi rinvenuti sono il carbofuran e propargite. Il primo è uno dei più tossici in commercio mentre il secondo viene usato anche come acaricida. Quindi, chi avesse comprato le bacche deve riportarle al punto vendita per il cambio o il rimborso.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto