Tolta alla famiglia ragazza di origini egiziane promessa a uno sconosciuto

Promessa sposa ad uno sconosciuto di dieci anni più grande di lei, una studentessa torinese di origini egiziane, di soli 15 anni, è stata allontanata dalla famiglia, su provvedimento del Tribunale dei Minori, e inserita in una comunità.

 

Aveva tentato il suicidio

La giovane, per evitare il matrimonio combinato, aveva tentato il suicidio tagliandosi i polsi, si è confidata con una compagna di classe che l’ha convinta a denunciare quanto le stava accadendo. A questo punto, la madre è stata segnalata alla Procura.

Incoraggiata dall’amica, la quindicenne ha trovato il coraggio di telefonare al Servizio 114 Emergenza Infanzia. La segnalazione è arrivata al commissariato Barriera Milano, che si è subito attivato.

 

Stava per essere “consegnata” in Egitto

La ragazza ha raccontato che il fidanzamento si sarebbe svolta dopo tre giorni e che era tutto pronto: banchetto nuziale, vestito rosso e viaggio in Egitto. La madre le aveva detto che non sarebbe più andata a scuola e che non avrebbe più potuto ribellarsi perché l’avrebbe mandata dalla futura suocera.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto