Mantova: prima vittima del caldo torrido, da oggi “allerta 3” in 14 città

Temperature ancora roventi da qui ai prossimi 2 giorni e ai disagi provocati dall’ondata di calore si aggiungeranno violenti temporali nelle ore pomeridiane a partire da giovedì. Per quanto riguarda la colonnina di mercurio, fino a metà settimana non scenderà sotto i 38 gradi al centro-nord, dove potrà raggiungere anche i 40 ed essere avvertita ancora più intensamente a causa dell’afa, dato che l’umidità, finora rimasta sotto al 40%, è destinata a salire.

Nel mantovano il primo morto a causa del caldo

Intanto si registra il primo morto a causa delle temperature. È accaduto ieri in provincia di Mantova e ad accusa un malore fatale è stato un uomo di 47 anni di origini rumene che risiedeva a Grazie di Curtatone, vicino al luogo di lavoro. Mentre lavorava in un’azienda di allevamento di suini, ha iniziato a sentirsi male e si è accasciato. Quando sono arrivati i soccorsi del 118, non c’è stato nulla di fare.

14 città a rischio

Le città più a rischio, quelle dove il livello di allerta salirà a 3  sono Bologna, Bolzano, Brescia, Firenze, Frosinone, Latina, Milano, Perugia, Rieti, Roma, Torino, Trieste, Verona e Viterbo. Sempre mercoledì in altre quattro città è previsto un rischio di “livello 2” (condizioni meteorologiche che possono rappresentare un rischio per la salute): Ancona, Campobasso, Pescara e Venezia.
Anche domani, tuttavia, il caldo e l’afa si faranno sentire e saranno tredici le città nelle quali è atteso un “livello 3”: Bologna, Bolzano, Brescia, Firenze, Latina, Milano, Perugia, Rieti, Roma, Torino, Trieste, Verona e Viterbo.

 

“Supercelle” temporalesche che grandine e trombe aria

A partire dal 9 luglio, quando l’anticiclone Flegetonte si sposterà più sui Balcani e sul sud del Paese, ecco che da nord inizieranno a formarsi condizioni che sfoceranno in forti perturbazioni, soprattutto nelle ore centrali delle giornate. L’allarme dei meteorologi riguarda infatti “supercelle” temporalesche che già da martedì e mercoledì riguarderanno l’Austria e la Slovenia per poi spostarsi velocemente verso il confine italiano.

 

Da domenica 12 luglio nuova ondata di calore

Si inizia sulle Alpi, ma i rovesci, che potrebbero portare anche a grandinate, si estenderanno su tutta l’area settentrionale arrivando fin sulle coste. Attenzione poi alle trombe d’aria, che potrebbero crearsi laddove gli sbalzi termici – tra i 3 e i 6 gradi – saranno più intensi. Poi, a partire da domenica 12 luglio, ci si prepari perché è in un arrivo una nuova ondata di calore.

 

Il numero verde per l’allerta caldo

A causa dei malori che il super caldo può provocare, il ministero della Salute ha attivato il numero verde gratuito 1500 nell’ambito della campagna “Estate sicura 2015”. Dall’altra parte del telefono ci saranno operatori che risponderanno tutti i giorni dalle 9 alle 18 di ogni giorno.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto