Premio Malerba, Miglior albo illustrato: la cinquina di finalisti, vince Gek Tessaro

A disegnare “le figure dei libri” sono in tanti e, in questi ultimi anni, l’attenzione alla qualità e alla pregnanza narrativa delle illustrazioni è andata crescendo.

Di questo mondo caleidoscopico e creativo si è accorto il premio Malerba, intitolato a uno dei nostri autori più significativi ed eclettici e che ha segnato brillantemente la nostra letteratura non solo come scrittore e sceneggiatore ma anche come incisivo “racconta storie” per i bambini.

Gli organizzatori del Premio Malerba, da otto anni dedicato alla narrativa e alla sceneggiatura, hanno avuto la lungimiranza di allargare le sezioni per  approdare alla segnalazione dei “Miglior albo illustrato”.

Settanta albi presi in considerazione

In questa prima edizione, la giuria – composta da esperti dell’editoria, della scuola e della comunicazione e coordinata da Anna Malerba e Lorenzo Cantatore dell’Università Roma 3 – ha letto circa 70 albi e poi ha scelto una cinquina di finalisti di tutto rispetto:

Che cos’è un amico, di Chiara Carminati e Pia Valentinis, Rrose Sèlavy Editore

Dimodoché, di Gek Tessaro, Lapis Edizioni

In una famiglia di topi, di Giovanna Zoboli e Simona Mulazzani, Topipittori

Pois, di Cristina Bazzoni, Carthusia

Un sasso nella strada, di Ilaria Antonini, Barbara Balduzzi e Marco Scalcione, Camelozampa Editore.
Significativo e importante anche un altro “giurato”, cioè due classi della scuola di Berceto, paese natale di Malerba, che hanno espresso la loro preferenza, dopo aver letto i cinque libri.

Il vincitore è Dimodoché della Lapis

Alla fine, è uscito vincitore l’albo “Dimodoché”, edito da Lapis e opera di Gek Tessaro che ha incontrato, poi, i ragazzi di Berceto.
La motivazione rende giusto riconoscimento a un artista di rara sensibilità :
“Inesauribile inventore di storie. In venticinque anni di attività, Gek Tessaro ha attraversato temi, stili e tecniche con tratto inconfondibile e sicura vena narrativa, sintetizzando – tra l’altro – le sue molteplici doti nelle geniali performance del teatro disegnato”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto