Unioni civili, il dietrofront di Grillo scatena Formigoni: “Checche varie”

Il dietrofront di Beppe Grillo, che lascia “Libertà di coscienza” ai parlamentari 5Stelle mette a rishcio la legge Cirinnà, ma entusiasma (come ovvio) il ministro degli Interni, Angelino Alfano.

Fonti interne al Pd dicono che nel partito si ragiona sulla proposta di stralciare la stepchild adoption dal disegno di legge della Cirinnà (nella foto qui sotto), per delegare il governo a riformare la legge sulle adozioni e affrontare dunque in un secondo momento il tema.

 

aaaacirinna

Uno stralcio della stepchild adoption?

Uno “stralcio light”, è dunque l’ipotesi. I pontieri sono al lavoro per capire quanti voti potrebbero convergere su un emendamento Pagliari-Del Barba che rinvia al governo di l’intervento sulle adozioni. Ma la scelta potrebbe essere ancora più “soft”: stralciare la “stepchild” e approvare un ordine del giorno che impegna al Parlamento a intervenire sulle adozioni. Intanto infiamma il dibattito on-line, la decisione di Beppe Grillo di lasciare libertà di coscienza ai senatori del Movimento 5 Stelle sul tema delle unioni civili.

Improvviso il cambiamento di Grillo

Nei commenti al post del leader M5s e sui social network emerge una forte spaccatura tra chi condivide la scelta e chi, al contrario, sostiene che snaturi il principio di base del Movimento: i parlamentari sono portavoce dei cittadini e dunque – è la tesi – non possono votare secondo la loro coscienza ma devono agire secondo le indicazioni dei cittadini. E c’è anche chi grida al tradimento: “Avete tradito migliaia di cittadini italiani che attendevano da anni veder riconosciuto un diritto. Mi fate pena”, scrive tranchant Paolo.

 

Impazza hashtag #dietrofrontM5s

Intanto su Twitter impazza l’hashtag #dietrofrontM5s, che è tra i trend topic e vuol mettere in luce il cambio di linea del Movimento, finora sempre apertamente a favore della legge sulle unioni civili. Al coro delle critiche si uniscono anche alcuni parlamentari del Pd.

 

aaaalalfano

Alfano: “Interessante, si riapre la partita”

“Sul ddl Cirinnà Grillo non assicura più i voti M5S. Si riapre la partita. Potrebbe saltare l’intera legge. Bene, scenario molto interessante”: lo scrive su Twitter (come vedete qui sopra) il ministro dell’Interno e leader dei neocentristi dell’Ncd Angelino Alfano.

 

La spiegazione di Grillo: “La stepchild adoption non era prevista”

 

Sul suo blog Beppe Grillo aveva scritto che nella legge Cirinnà “è prevista la ‘stepchild adoption’ per le coppie omosessuali. Questo è il punto in cui le sensibilità di elettori, iscritti e portavoce M5S sono varie per questioni di coscienza. In seguito alle tante richieste da parte di elettori, iscritti e portavoce M5S su questo tema etico si lascia libertà di coscienza ai portavoce M5S al Senato sulle votazioni agli emendamenti della legge Cirinnà e alla legge nel suo complesso anche se modificata dagli emendamenti”.

Beppe Grillo ha spiegato l’origine della decisione di lasciare libertà di coscienza ai senatori M5S sulle unioni civili: “Nella votazione online che si è svolta a ottobre 2014” sul ddl Cirinnà “non era presente alcun accenno alle adozioni e gli iscritti del M5S non hanno potuto dibattere su questo argomento specifico”.

“Non si fa ricorso a un’ulteriore votazione online – aggiunge – perché su un tema etico di questa portata i portavoce M5S al Senato possono comunque, in base ai dettami della loro coscienza, votare in maniera difforme dal gruppo qualunque sia il risultato delle votazioni”.

L’impressione diffusa è che ci sia stata qualche pressione “autorevole” per far cambiare così radicalmente idea a Grillo.

aaaaformigonitweet

L’attacco di Formigoni e le repliche

In difesa di Beppe Grillo – si fa per dire – interviene anche Roberto Formigoni con un linguaggio molto pesante: “L’odore della sconfitta sul ddl Cirinnà sta procurando crisi isteriche gravi su gay, lesbiche, bi-transessuali e checche varie. Non è bello, poverini”: è quanto ha scritto su Twitter l’ex governatore della Lombardia, scatenando reazioni a catena. Il post dell’attuale senatore di Ncd, che faceva riferimento al mezzo dietrofront di M5S sulle unioni civili e sulla stepchild adoption, non è passato inosservato e sono tantissime le repliche.

aaaaformigoniuno

Scalfarotto: “Isterico è il tuo tweet”

“Isterico è questo tuo tweet”, scrive Ivan Scalfarotto (Pd). “Ci mancava aggiungesse pervertiti e pedofili, @r_formigoni volgare individuo”, si legge in un altro post. Dello stesso tenore il commento del vicesegretario dem Lorenzo Guerini: “Tweet indecente, da vergognarsi. Punto”.

Mentre alcuni utenti rispolverano le fotografie di Formigoni (nella foto qui sopra) con le sue originali giacche e camicie. Infine, molti utenti si affidano all’ironia.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto