Giovanna Mezzogiorno e i suoi primi 40 anni (video)

Giovanna Mezzogiorno compie, domenica 9 novembre, i suoi… primi 40 anni. Il mestiere lo ha nel sangue, il talento lo ha coltivato fin da adolescente in Francia alla corte di Peter Brooke, ha collezionato una valanga di premi, gli occhi sono quelli di suo padre.

 

aaaabcmezzogiorno

 

 

 

 

Una galleria di donne autentiche

L’attrice nella sua carriera ha interpretato una galleria di donne autentiche. Nello scorso mese di giugno è stata insignita dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine delle Arti e delle Lettere (‘Chevalier de l’Ordre des Arts et des Lettres’) da Joël Meyer, console generale di Francia, all’Institut français Milano.

Con questa onorificenza, conferita dal ministero della Cultura e della Comunicazione francese, la Francia ha voluto rendere omaggio a un’attrice che “riflette splendidamente l’importanza delle relazioni cinematografiche tra Francia e Italia” e “arricchisce costantemente con il suo lavoro il dialogo tra la cultura francese e la cultura italiana”.

Qui il video con un’intervista rilasciata dalla Mezzogiorno in quella giornata per lei molto particolare.

Raccoglie tanta stima in Francia

“Dire che è un onore è fin troppo scontato – ha detto in quell’occasione la Mezzogiorno – questa medaglia per me è una gioia immensa: viene dalla Francia, dove ho vissuto per otto anni che ha cambiato il destino della mia famiglia per sempre”.

Aggiungendo nei ringraziamenti: “accetto con onore questa onorificenza che non considero solo mia ma anche di mio padre”.

 

È vissuta a Casalpalocco

Nata a Roma nel 1974 e vissuta nel quartiere di Casalpalocco, dopo aver frequentato a Parigi il Workshop di Peter Brook, la Mezzogiorno ha debuttato sul palcoscenico nel 1995 nel ruolo di Ofelia nello spettacolo Qui est là.

Nel 1997 è apparsa per la prima volta sul grande schermo nel film Il viaggio della sposa di Sergio Rubini e subito ha conquistato una pioggia di premi (tra cui la Targa d’Argento “Nuovi Talenti del Cinema Italiano”, il Globo d’Oro della Stampa Estera e il Premio Internazionale Flaiano come migliore interprete femminile della stagione 97-98).

 

Da Gabriele Muccino a Marco Bellocchio

Da allora non si è mai fermata. Tra i suoi film più importanti ci sono L’ultimo bacio di Gabriele Muccino (2001) con Stefano Accorsi, suo compagno per molti anni, poi il film su Ilaria Alpi di Ferdinando Vicentini Orgnani, con cui vince il Nastro d’Argento alla migliore attrice protagonista. Poi ancora nel 2003 La Finestra di fronte, di Ferzan Ozpetek, con Raoul Bova e Massimo Girotti per questo film riceve numerosi il David di Donatello, il Nastro d’Argento, il Globo d’oro, il Ciak d’oro.
Poi tra gli altri titoli La Bestia nel Cuore di Cristina Comencini (Coppa Volpi). Un titolo importante per la sua carriera è poi Vincere di Marco Bellocchio (2008), la sua interpretazione le vale un Nastro d’Argento e un Globo d’oro.

Nel 2010 è nel film di Papaleo, Basilicata coast to Coast insieme allo stesso, Max Gazzè, Alessandro Gassman e Paolo Briguglia.
Nel gennaio 2011 è stata premiata come migliore attrice protagonista per Vincere dal National Society of Film Critics.

 

Un matrimonio e due gemelli

Dopo il successo del film di Papaleo Giovanna sceglie di fermarsi per un lungo periodo si sposa, ha due gemelli. Il rientro quest’anno nelle sale con due film Vino Dentro Dd Ferdinando Orignani e i Nostri Ragazzi di Ivano di Matteo, che affront aun tema cruciale: i nostri figli coprirli o denunciarli se infrangono la legge?.

Suo padre, il grande Vittorio Mezzogiorno, non c’è più dal gennaio 1994.

Sua madre Cecilia Sacchi è scomparsa nell’ottobre 2010. Oggi c’è la sua bella famiglia, lei con i piccoli Leone e Zeno nati nell’agosto 2011, e suo marito Alessio Fugolo conosciuto sul set di Vincere. Ma Giovanna Mezzogiorno non ha mai pensato di smettere di recitare ”ho cercato, ogni volta di andare oltre, di vedere se ero capace, di sperimentare”.

 

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto