Bacche di Goji, dov’è il miracolo?

Chi frequenta erboristerie e negozi di benessere conosce bene il potere “miracolistico” delle bacche di Goji. L’ultima tendenza in fatto di wellness sono infatti i bibitoni e le tisane a base di estratti di bacche. Il Goji viene definito “pianta di lunga vita”, in virtù del suo riconosciuto potere antiossidante, e non solo. Dal punto di vista nutrizionale le bacche sono ottime: cento grammi, per dirne una,  contengono 300 mg di vitamina C, contro i 50 di un’arancia, e pazienza se il tenore di grassi è superiore (5%), si tratta di grassi “buoni”.

Un elisir di lunga vita

Fatto sta che il Goji viene propagandato come un elisir di lunga via, energizzante, antiage e antirughe, uno scudo persino per il sistema immunitario.
Tutto vero? Non proprio. Un recente studio rivela per assumere integratori a base di Gpji per 90 giorni aumenta il livello di antiossidanti nel sangue, e migliora la salute  degli occhi. Ma, si legge a conclusione di questa analisi, per dimostrare l’efficacia di queste bacche servono altri studi. Il potere salustistico, insomma, è solo intuito, ma non dimostrato.

aaa-gojiL’attacco di Altroconsumo

Ed è per questo che l’Autorità europea per la sicurezza alimentare non ha ancora approvato alcun claim (le scritte salutistiche che compaiono sulle confezioni di dei prodotti alimentari) in proposito.
Anche l’associazione dei consumatori Altroconsumo si è di recente scagliata contro l’enfasi che accompagna la commercializzazione di questi prodotti e le scritte spesso al limite dell’ingannevole: “Le evidenze fornite negli studi presentati non sono sufficienti a provare l’effetto delle bacche di Goji sulla protezione di cellule e molecole dal danno ossidativo”, si legge nella nota stampa, che prosegue: “Proprio come altra frutta e verdura, anche le bacche di Goji rappresentano una fonte naturale di vitamine e minerali. A differenza di quanto vogliono farci credere i claim, però, non apportano alcun effetto utile per la salute che non si possa raggiungere consumando altri frutti”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto