MotoGp Spagna: 1° Marquez, 2° Zarko, 3° Iannone, crash tra Dovi, Pedrosa e Lorenzo

MotoG. in Spagna vince Marc Marquez, al secondo posto Zarko, al terzo Andrea Iannone, che ora si sta abituando al podio (nella foto in basso il pilota con Belen). Quarto Danilo Petrucci e quinto Valentino Rossi, ma l’episodio più eclatante è avvenuto a pochi giri dalla fine quando le due Ducati di Lorenzo e Dovizioso e la Honda di Dani Pedrosa si sono scontrate – a 7 giri dlala fine – in una micidiale carambola che ha eliminato tutti e tre i piloti, mentre inseguivano Marquez, che ora allunga nella classifica del mondiale piloti.

La Pole di Cal Crutchlow del 5 maggio

 

MotoGp: Cal Crutchlow conquista la pole position nel Gp di Spagna che si corre sul circuito di Jerez de la Frontera. Si parte alle 14, diretta on esclusiva su Sky.

Il pilota britannico, Lcr Honda, ha fermato il cronometro sul tempo di 1’37”653 davanti a Dani Pedrosa, Honda, +0”259, terzo il francese Johann Zarco, Monster Yamaha Tech 3, +0”303.

Seconda fila per la Ducati di Jorge Lorenzo, +0”316, seguito dal campione del mondo Marc Marquez, Honda, +0”324, sesto crono per la Suzuki dello spagnolo Alex Rins, +0”331. È ottavo dietro ad Andrea Iannone, 1’38”029, il leader del mondiale di MotoGp, Andrea Dovizioso che con la sua Ducati ha un ritardo di 0”376 da Crutchlow.

Soltanto decimo sulla griglia Valentino Rossi

Decimo tempo per Valentino Rossi (nella foto qui sopra), +0”614, che precede il compagno di scuderia alla Yamaha, Maverick Vinales, +0”628.

“Il feeling con la moto era simile a ieri. Non è andata molto male la mattina con le temperature più fresche ma col caldo del pomeriggio le gomme hanno sofferto molto ed è stata dura. È un peccato perché abbiamo provato a modificare molto il setting ma senza riuscire a migliorarci”, dice Rossi. “Non sarà facile partire in decima posizione, inoltre il mio passo non è fantastico. Dobbiamo guardare ogni singolo dettaglio e poi vedremo cosa accadrà in gara”, conclude il 9 volte campione del mondo, che quest’anno stenta a decollare.

Il circuito di Jerez de la Frontera è, comunque, particolarmente gradito a Valentino, che qui detiene il record di vittorie su questa pista: ben 7.

 

 

La gara di Austin

Moto Gp si ricomincia da Austin, in Texas. Marquez e Rossi, dopo gli scontri in Argentina, decidono di accantonare le tensioni.

“Ora bisogna pensare solo alla gara”, chiude Valentino, mentre Marquez ribadisce che cercherà di riparare agli errori, ma “come pilota questo sono”.

In gara i contendenti stasera, domenica 22 aprile, alle 21, diretta su SkyMotogp (canale 208 del telecomando Sky) e anche in chiaro su Tv8.

Sesta Pole consecutiva per Marquez

Sesta pole position di fila per lo spagnolo Marc Marquez nel Gp delle Americhe di motociclismo, terza prova del mondiale classe MotoGp. Il campione del mondo in carica, con la sua Honda, ha fatto segnare il tempo di 2.03.658.

La gara si prevede appassionante, perché in prima fila ci sono anche Maverick Vinales con la Yamaha (+0.406), secondo, e Andrea Iannone (terzo con la Suzuki, +0.551).

In seconda fila partiranno Johann Zarco (Yamaha), Valentino Rossi (Yamaha) e Jorge Lorenzo (Ducati).

Gli altri italiani partono con l’ottavo tempo e terza fila per Andrea Dovizioso, e il decimo per Danilo Petrucci (Ducati, Pramac).

Arriva la penalizzazione

Ma a conclusione della lotta per la Pole è arrivata la penalizzazione per Marc Marquez. Lo spagnolo della Honda è stato retrocesso in seconda fila (partirà quarto) per aver ostacolato Maverick Viñales lanciato in un tentativo di giro veloce. I due si erano poi chiariti e Viñales aveva riconosciuto che Marquez non l’aveva fatto apposta. Ma la direzione gara ha deciso diversamente e sanzionato il campione del mondo.

Viñales, quindi, con la sua Yamaha partirà per primo, seguito da Iannone e Zarco in prima fila, poi Marc Marquez “il terribile”, con al fianco Rossi e Lofrenzo: una bella triade.

La bagarre al Gran premio di Argentina: le notizie dell’8 aprile

Poleman a sorpresa nel Gran Premio d’Argentina, con le prove rovinate dalla pioggia.Oggi la gara, in diretta tv su Sky, a partire dalle ore 20.

È stato Miller, uscito all’ultimo giro temerariemente con le gomme da asciutto, a ottenere il primo posto in griglia nel Gp d’Argentina, la sua prima in carriera in MotoGp.

L’australiano della Ducati Pramac – che ha azzardato negli ultimi giri le gomme slick, nonostante la pista ancora bagnata in molti tratti – ha preceduto la Honda di Dani Pedrosa e la Yamaha di Johann Zarco.

Seconda fila per Tito Rabat (Ducati), Alex Rins (Suzuki) e Marc Marquez (Honda). Settimo tempo ed apertura di terza fila per un ottimo Aleix Espargaro, con l’Aprilia, a lungo detentore del miglior tempo durante la Q2, seguito dalla Ducati di Andrea Dovizioso e dalla Yamaha di Maverick Vinales, nono.

Decimo tempo per Cal Crutchlow (Honda). Attardato Valentino Rossi, solo 11° con la seconda Yamaha ufficiale. Dodicesimo Andrea Iannone (Suzuki).

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto