Zingaretti si riconferma nel Lazio, è l’unico Pd a vincere

Ormai parlano le schede scrutinate. Nicola Zingaretti, per la prima volta nella storia della Regione, viene riconfermato governatore del Lazio.

La certezza della vittoria arriva quando sono state scrutinate 5.224 sezioni su 5.296. Al governatore del Pd va il 32,9 dei voti, più di un milione, mentre Stefano Parisi, il candidato del centro-destra, si ferma poco oltre i 950.000 col 31,11%.

Terza la Cinquestelle che puntava a diventare la prima govcernatrice del Lazio. Ma Roberta Lombardi delve accontentarsi del 26,9% e mastica amaro, ma con stile, come mostra il post su Facebook, che pubblichiano in basso.

Quarto, ma decisivo in questo confronto elettorale, Sergio Pirozzi, il sindaco di Amatrioce che non ha trovato spazio nel centro-destra e raccoglie quasi il 5% dei voti, che penalizzano – in fin dei conti – proprio Stefano Parisi.

Zingaretti: “Ora rigeneriamo il centro-sinistra”

“Si apre una nuova fase in cui la nostra alleanza del fare, così l’abbiamo chiamata, deve dare il suo contributo culturale per ricostruire e rigenerare il centrosinistra. È Il tempo della rigenerazione”, ha detto subito dopo la conclusione degli scrutinii, Nicola Zingaretti.

“Scusate il ritardo. È stato opportuno attendere – ha aggiunto – osservare e ascoltare tutte le valutazioni delle case demoscopiche che si sono confrontate. La differenza elettorale tra il voto politico e quello delle regionali oscilla in forbice tra 250 e 300mila voti. Per la prima volta i cittadini del Lazio hanno confermato il loro presidente”, ha aggiunto soddisfatto. “È un risultato di straordinaria importanza, perché avvenuto nello stesso giorno della più devastante sconfitta delle forze di sinistra nella storia della Repubblica. È un fatto democraticamente di grandissima rilevanza”.

“Ricostruire la speranza”

“Si apre una fase di servizio per ricostruire la speranza che è l’esatto opposto di odio, egoismo, ricerca di un capro espiatorio. Inizia una nuova fase nella quale questa bella alleanza del fare dovrà dare il suo contributo per rigenerare il centrosinistra”.

Passo passo scrutini e sondaggi del 5 marzo

Quando sono state scrutinate 3.298 sezioni su 5.285 il fratello del “commissario Montalbano” è avanti con il 34% su Parisi del centro-destra, che si ferma al 30%. La cinquestelle Roberta Lombardi si attesta intorno al 27%, Sergio Pirozzi, sindaco di Amatrice, la cittò sfregiata dal terremoto, è intorno al 4,5%

Sconfortata Roberta Lombardi (nella foto sotto), che si ritiene penalizzata dalle scelte dei 5 Stelle a Roma e nella regione: “Torno a fare la mamma”.

Due grandi regioni al centro della contesa

Corsa ancora aperta, per quanto riguarda gli scrutinii, per due grandi Regioni come Lazio e Lombardia: Nicola Zingaretti è avanti nel Lazio, Attilio Fontana in testa in Lombardia. Questo è previsto, secondo i primi dati dei primi exit poll.

Per le regionali si vota in un unico turno, chi prende più voti ha vinto. Ma lo scrutinio “vero” delle schede inizierà soltanto alle 14, in entrambe le regioni.

Alle 16,20 SkyTg24 ha lanciato la notizia che Attilio Fontana, in base ai dati del suo desk, ha vinto in Lombardia.

I due primi exit poll

Secondo il primo exit poll del Consorzio Opinio Italia per la Rai, per la presidenza del Lazio Nicola Zingaretti (centro-sinistra, a sinistra nella foto) è in testa con il 30-34%, mentre Stefano Parisi (centro-destra) è al 26-30%%. Roberta Lombardi (M5s) è al 25-29% e Sergio Pirozzi (lista civica) è al 2-4%.

Invece secondo il primo exit poll del Consorzio Opinio Italia per la Rai, alle regionali per la presidenza della Lombardia è in vantaggio Attilio Fontana (centro-destra) al 38-42%; Giorgio Gori (centro-sinistra) è al 31-35%%. Dario Violi (M5s) è al 17-21%% e Onorio Rosati (Leu) al 2-4 %.

Le prime proiezioni

A differeza degli exit poll, la prima proiezione per il Lazio, vede la Lombardi dei 5Stelle al secondo posto. Terzo Stefano Parisi.

Il risultato della terza proiezione nel Lazio

Arriva poco prima delle 17 anche la terza proiezione del Consorzio Opinio Italia per la Rai relativa al Lazio, Nicola Zingaretti (centro-sinistra) ha il 33,2%, Roberta Lombardi (M5s) è al 29,5%, Stefano Parisi (centro-destra) al 29% e Sergio Pirozzi (lista civica) al 4.3%.

 

La quarta proiezione inverte secondo e terzo posto

Zingaretti sempre in testa nella quarta proiezione, ma mutano la seconda e terza posizione. Ora i dati dicono che Nicola Zingaretti (centro-sinistra) avrebbe il 33,5%, Stefano Parisi (centro-destra) il 29.6%, Roberta Lombardi (M5s) è al 29% e Sergio Pirozzi (lista civica) al 4%.

 

Alla quinta proiezione aumenta il vantaggio di Zingaretti

Aumenta il vantaggio di Nicola Zingaretti, alla quinta proiezione che copre il 40% del campione con un margine di errore del 2,60%.

La quinta proiezione Rai tracciata dal Consorzio Opinio Italia per le Regionali attribuisce infatti a Zingaretti, candidato con il centro-sinistra, il 34% (era 33,59 nella alla quarta); a Parisi, centro-destra, il 29,9 (era 29,6); a Roberta Lombardi (nella foto qui sopra), M5s, il 27,9 (era 29); a Pirozzi il 4,3 (era 4,0).

La sesta proiezione conferma il vantaggio

Secondo la sesta proiezione del Consorzio Opinio Italia per la Rai, alle regionali per la presidenza del Lazio Nicola Zingaretti (centro-sinistra) ha il 34%, Stefano Parisi (centro-destra) è al 30,6%, Roberta Lombardi (M5s) al 27,1% e Sergio Pirozzi (lista civica) al 4,5%.

Dopo la sesta proiezione il desk di SkyTg24 ha lanciato la notizia che Zingaretti ha vinto le regionali nel Lazio. Bisognerà orqa vedere che maggioranza avrà il governatore, xche comunque è il primo ad essere riconfermato nella storia della Regione Lazio.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto