Salerno, liste d’attesa e tangenti: 4 arresti, c’è anche il presunto medico del papa

Bufera giudiziaria sull’ospedale Ruggi d’Aragona di Salerno. I carabinieri del nucleo investigativo hanno effettuato nel Salernitano e in altre province 4 arresti firmati dal gip. Sono per altrettanti medici accusati di concussione. Tra questi, c’è anche il primario di neurochirurgia, Luciano Brigante, e il neurochirurgo Takanori Fukushima (nella foto sotto), lo stesso che nell’ottobre del 2015 venne accostato da un quotidiano a Papa Francesco per una presunta visita medica smentita dal Vaticano.

aaaamedicopapa

Inchiesta partita da una denuncia denuncia

A muovere inquirenti e investigatori è stato il sospetto di un presunto giro di tangenti legate alle liste d’attesa nel reparto salernitano. L’inchiesta era partita a maggio 2015 dopo la denuncia del parente di una paziente ricoverata che era stata sottoposta a un intervento alla testa e poi era deceduta. Secondo le indagini, l’operazione chirurgica era stata preceduta dal versamento di una somma in denaro per accelerare i tempi in lista d’attesa.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto