Statistiche: divorzi più frequenti se si ammala lei

Che l’amore e il matrimonio siano per sempre, “in salute e in malattia”, non è scontato, soprattutto se ad ammalarsi di una patologia grave è la moglie. Lo sostiene uno studio condotto dalla Iowa State University e pubblicato dal Journal of Health and Social Behavior. Studio in cui si sostiene che, quando è lei a essere colpita da una malattia, la probabilità che si giunga a un divorzio cresce del 6%.

Il risultato dopo 20 anni di osservazione

Per giungere a questa conclusione, già rilevata da un’analisi analoga condotta dall’Università del Michigan, l’osservazione dei ricercatori americani è stata lunga. Per vent’anni, infatti, sono state seguite 2700 coppie sposate. A valle dell’indagine, scandita da incontri e questionari eseguiti a intervalli biennali, è risultato che il 32% dei matrimoni è arrivato al capolinea proprio per i problemi di salute di uno dei coniugi e il 24 è finito per il decesso di un componente della coppia. E se più elevata la percentuale dei divorzi quando lei sta male, rimane in media, senza impennate, con l’andamento complessivo il dato quando è il marito da ammalarsi.

Equilibri compromessi se la donna si ammala

Perché questa discrepanza? Secondo gli esperti della Iowa State University è dovuto a un fattore sociale: la donna viene percepita ancora oggi come l’angelo del focolare, colei che deve occuparsi del benessere della famiglia. Se non è più in grado di farlo, allora è più facile che saltino gli equilibri coniugali e addio alle promesse nuziali.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto