#GiùLeZampe dagli animali: boom per la petizione anti pignoramento (video)

#GiùLeZampe. Questo è l’hashtag della petizione No al pignoramento degli animali domestici che Tessa Gelisio, conduttrice televisiva, ambientalista e presidentessa di ForPlanet Onlus ha lanciato su Change.org e che nel giro di breve ha superato le 1800 firme. Indirizzata al capo del governo Matteo Renzi e ai ministri Gian Luca Galletti (Ambiente) e Andrea Orlando (Giustizia), la campagna esordisce affermando che “la legge italiana continua a considerare gli animali da compagnia come ‘cose’, ignorando la dimensione affettiva dell’animale e del padrone e il rapporto che li lega”.

La soluzione: modificare il codice di procedura civile

Eppure, prosegue l’appello, “sono oltre 25 milioni di italiani che vivono con un animale domestico e rischiano di perderlo per sempre a causa di un pignoramento dovuto a debiti con lo Stato o privati”. Per ovviare a questo problema, secondo Tessa Gelisio, occorrerebbe modificare “l’articolo 514 del codice di procedura civile che vieta il pignoramento dei beni che hanno valore affettivo, come la fede nuziale, per evitare forme di pressione psicologica sul debitore, non è più possibile invece ritenere pignorabile un animale domestico che da anni vive insieme al suo proprietario”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto