Austria: per la presidenza trionfa il verde Van der Bellen, sconfitta l’ultradestra

Inattesissimo trionfo di Van der Bellen, candidato dei verdi, alle presidenzia autriache, che si erano dovute rifare per errori nel conteggio dei voti nel luglio scorso. Arriva da Vienna un ottimo segno per l’Europa. Norbert Hofer, infatti, il candidato dell’ultradestra avrebbe fatto di tutto per portarla fuori dall’Ue.

a-bellen

Il nuovo presidente austriaco

“Alexander Van der Bellen è il nuovo presidente austriaco”: è stata per prima la tv pubblica Orf a comunicare la vittoria del candidato ecologista che con il 53,6% dei voti ha di nuovo sconfitto nel ballottaggio e con un margine ben più ampio della prima volta l’avversario populista Norbert Hofer, che aveva ottenuto l’annullamento delle precedenti consultazioni per irregolarità nel voto.

Hofer ha riconosciuto la sconfitta

“Vorrei congratularmi con il signor Van der Bellen per la sua vittoria”, ha dichiarato il segretario generale del Fpoe, Herbert Kickl che ha guidato la campagna del populista Hofer, alla televisione pubblica austriaca Orf.

“Per l’ultima volta le forze, che sono contro il rinnovamento, ci hanno fermati”, ha aggiunto Kickl facendo chiaro riferimento alle elezioni politiche che probabilmente saranno anticipate alla prossima primavera.

Il ministero degli Interni ha detto che non ci sono state irregolarità. Proprio la denuncia del partito Fpö del candidato ultranazionalista aveva portato al ripetersi del ballottaggio. Per soli 31mila

voti, l’ex presidente dei Verdi era stato dichiarato vincitore. Il conteggio del voto per posta e la diffusione di alcuni dati parziali erano stati alcune delle irregolarità rilevate, sebbene secondo la Corte costituzionale non avessero influito sul risultato.

 

 

Le notizie del 1° luglio 2016

Clamorosa decisione in Austria. Il ballottaggio delle presidenziali va rifatto per le irregolarità nello spoglio avvenute in alcuni seggi. Lo ha deciso la Corte costituzionale austriaca. I giudici hanno vagliato il ricorso presentato dall’Fpoe.

 

“Vogliamo rafforzare la democrazia”
“Le elezioni sono il fondamento della nostra democrazia e il nostro compito è di garantirne la regolarità. La nostra sentenza deve rafforzare il nostro Stato di diritto e la nostra democrazia”, ha detto a Vienna il presidente della Corte costituzionale Gehrart Holzinger, prima di pronunciare la sentenza con cui è stato accolto il ricorso presentato dall’Fpoe lo scorso 22 maggio. E’ la prima volta che viene annullato un ballottaggio in Austria.

Era stato eletto il candidato Verde

Al ballottaggio era risultato eletto il verde Alexander Van der Bellen (a sinistra nella foto di apertura) con uno scarto di meno di un punto percentuale, pari a circa 30 mila voti, rispetto al leader dell’estrema destra Norbert Hofer. Il nuovo voto si dovrebbe tenere tra settembre e ottobre.

 

No comment dell’Ue
La Commissione europea “non ha commenti da fare su quella che è una decisione della Corte costituzionale di uno Stato membro”. Lo ha detto il portavoce dell’esecutivo a proposito dell’annullamento del ballottaggio delle presidenziali in Austria.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto