Valanga in Val Venosta: morte mamma tedesca di 45 anni e la figlia di 11

È di due morti il bilancio della valanga di Malga San Valentino. Decedute sono una donna di 45 anni morta all’ospedale di Silandro, dove era stata ricoverata poco prima in gravissime condizioni, e la figlia di 11, soccorso sul posto, ma inutilmente. Entrambe erano tedesche.

Illesi gli altri

Tutti gli altri 7 membri di un gruppo di sciatori, tutti provenienti della Germania, sono invece rimasti illesi. La ragazzina, le cui condizioni da subito sono risultate molto critiche, è deceduta nonostante lunghi tentativi di rianimazione. La valanga è caduta nella zona di Malga San Valentino sopra il lago di Resia, nei pressi del centro sciistico Haideralm.

Pericolo valanghe elevato

Secondo le prime informazioni, la slavina avrebbe investito un gruppo di sciatori durante un fuoripista. Il pericolo valanghe in tutta l’area attualmente è “marcato” (grado 3 di 5). L’elisoccorso Pelikan 1, dopo un tentativo fallito di raggiungere di notte il luogo della valanga in Alta val Venosta, è tornato alla sua base all’ospedale di Bolzano.

Valanga in Val Venosta: salvi una donna e un bimbo, si cercano due persone, le notizie del 3 gennaio 2018

Una valanga è caduta in Alta Val Venosta: una donna e un bambino sono stati estratti vivi, ma si teme per altre due persone che sarebbero state travolte. Il Soccorso alpino è al lavoro in condizioni limite, la neve impedisce il volo di elicotteri.

Sul posto si trova un medico d’urgenza che si sta occupando di loro. Sono invece illese altre cinque persone, che erano in zona durante il distacco della valanga. Si teme comunque che altri sciatori possano essere ancora sotto la neve, perché non ci sono informazioni precise sul numero di persone travolte. Proseguono le ricerche del Soccorso alpino.

Investito un gruppo di sciatori fuoripista

La valanga è caduta nella zona di Malga San Valentino sopra il lago di Resia, nei pressi del centro sciistico Haideralm.

Secondo le prime informazioni, la slavina avrebbe investito un gruppo di sciatori durante un fuoripista. Sul posto si trovano il Soccorso alpino dell’Alta val Venosta, la Croce bianca e i carabinieri, mentre l’intervento dell’elisoccorso è reso particolarmente difficile a causa di una fitta nevicata. Il pericolo valanghe in tutta l’area attualmente è “marcato” (grado 3 di 5).

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto